Tra un po’ il buio la avvolgerà.

La mia città, alle 20:30.

Previsti rovesci già da parecchie ore ma, per ora tutto ricorda solo una metropoli carica di staticità che si abbraccia al vento.

La dedico a tutti quelli che la capiscono e non la lasciano mai sola.

La dedico a tutti quelli che sono scappati da lei, perché troppo esigente.

La dedico a chi ha provato a capirla, e non c’è riuscito.

È una colonna sonora … perfetta, loro sono i Brothers and Sisters texani … il brano è parte di un loro primo album del 2006 omonimo. Vi lascio il link del loro sito ….in basso.

B&S

Il giorno dopo…

La mia incompetenza nel riuscire a tenere un taglio di capelli appena fatto in ordine, per più di 12 ore … é disarmante…

La noto soprattutto tirata su dal letto, la mattina. È come se fossi passata dentro il tunnel del vento! Ma com’è sta cosa?!!! Beh, almeno il biondo è ancora biondo uff. Del resto cosa fare se io vivo il mio ordine, nell’illusione ordinata del mio stesso disordine???

Ci rinuncio, non c’è verso ! Una buona giornata gente🤗

Vi lascio un brano della band “”Shinedown” tratto dal loro album “Threat to Survival” del
2015

A voi la bellissima

How Did You Love?” (che è meglio!)

Bloc Party e la mia giornata.

Bloc Party, un gruppo prevalentemente alternative-indie rock di Londra, che inizia a farsi conoscere nel mondo musicale fin dal 2003, ma è comunque una band che spazia anche nel Post-punk-revival
nell’ Art rock e pure nell’ Art Punk. Lascio questo brano “So Here We Are”, perché alla fine la mia giornata è andata in questo modo, ~ con questo guizzo di pensiero, con queste immagini un po’ disperse dentro la mia familiare “nebbia” . ~

È un brano che fa parte di ’ “Silent Alarm” , il primo album della rock band, pubblicato il 14 febbraio 2005 in Gran Bretagna. L’album ha raggiunto subito la terza posizione nella classifica degli album più venduti nel loro “regno” e da lì per loro, si è aperto un mondo che non immaginavano potessero visualizzare.

Testo breve ma… molto, molto incisivo !

So Here We Are

I caught a glimpse, but it’s been forgotten
So here we are againI made a vow, to carry you home, homeI really tried to do what you wanted
It all went wrong againI made a vow, to carry you home
If you fall sick, if you pass outI figured it outI can see again

Break the Rules…

“fuori dagli schemi”

“ Break the Rules” dei Ruen Brothers che qui vi lascio …

Per come la vivo io questa canzone … “la parte più radicale, l’esempio di vita dedicata alla passione portata all’estremo, perché solo oltre i limiti, la passione diventa davvero “vita”.

Il duo rockabilly “Ruen Brothers” sono sempre più vicini alla vetta nel Regno Unito. Io ho iniziato a seguirli già dal loro esordio con il mini album “Point Dume” del 2015 proiettato in un mondo alternative/indie Poi nel 2018 hanno portato alla luce un album dal colore vintage “All My Shades Of Blue”

I due fratelli, hanno presentato in anteprima a fine aprile la loro nuova canzone “Break the Rules” per l’imminente film di Netflix “The Half of It“ ovvero “L’altra Metà” per la regia di Alice Wu. Un film con Becky Ann Baker, Enrique Murciano, Leah Lewis, Catherine Curtin, Collin Chou. Dal 1° maggio su Netflix 😉 “Ellie, una timida studentessa cinese-americana, si ritrova ad aiutare il fantino della scuola a corteggiare la ragazza che entrambi segretamente amano.” Questa è la locandina del film!

La canzone scritta per l’occasione, la raccontano così : “Abbiamo scritto” Break The Rules “per una scena molto ricca di malinconia dei due personaggi principali alle prese con emozioni e scelte difficili mentre affrontano le loro vite quotidiane”. L’idea iniziale era quella di scrivere una dolce canzone country – americana. Amiamo scrivere in questo genere, perché é simile alle danze lente che suoneremmo noi nei pub della nostra città natale per dare ai frequentatori un momento di sfacciato romanticismo, e abbiamo pensato che fosse appropriato per l’ambiente rurale del film “.
Ascoltate un po’ mentre mi accingo a fare la brava mamma di casa che prepara la cena e intanto un po’ riesce a sognare per trovarsi in un periodo dai colori tipicamente “Grease … 😄