Buongiorno!

Stamattina…

“Can’t keep my eyes from the circling skies”

Nel 1985 i “Pink Floyd” superstiti, ed esattamente Nick Mason e David Gilmour, dopo che il bassista e cantante Roger Waters perse la causa intentata per i diritti sul nome della band, successivamente al suo abbandono avvenuto due anni prima, concepirono questo album dal titolo “A Momentary Lapse of Reason”

L’album richiese una gestazione di circa due anni, e tutti i brani vennero scritti, naturalmente da David Gilmour. Era uno dei primi giorni di settembre del 1987, quando questo album molto art rock, fece la sua apparizione nei negozi di dischi, e nelle trasmissioni radio…

Buona giornata❣️

Oggi io sto in un altro pianeta…

Non esiste un vero genio senza una dose di follia.

O si?🤣 questa è una giornata in cui gli gnomi che coabitano nella mia testa pacificamente da tempo, oltre a farmi sentire gli uccellini cantare stonati , mi stan facendo letteralmente imbufalire!🤬

Tra il cuore e la mente, e…

Dal mio ex marito, che ringrazio vivamente, ho avuto in regalo tutto il suo armamentario stereo Vintage, e un migliaio di vinile fra 33 e 45 giri. Sa che amo la musica e che ci tenevo ad averli io, una volta messo in condizione di svuotare casa dei genitori ormai scomparsi. Ho sempre mirato al suo bagaglio discografico e di diffusione lo ammetto, perché non c’è molta differenza in fatto di gusti musicali fra noi, solo che io ho iniziato ad apprezzare Young, Dylan, Rolling Stone, etc etc da un nove anni a questa parte, mentre lui se li è persi strada facendo ( ho la casa invasa da vinili che non hanno età adesso!!).

E così dopo aver fatto revisionare da un tecnico del mestiere tutto il meccanismo che diffonde musica… fra annessi altoparlanti o casse rivestite in legno, giradischi e amplificatore Sansui 9900 ( e tutti rigorosamente acquistati a Londra, in un tempo in cui Londra sembrava irraggiungibile per molti), anche io adesso posso dire che ho raggiunto il mio “paradiso” musicale personale in casa. Acquisito, vero…ma lo sento comunque mio, oltre ad averlo meritato.

Non me ne vanto! Mi sento solamente lusingata e privilegiata per tanta eredità musicale che non ha prezzo !

Vi faccio un esempio. Ascoltare l’album degli Emerson Lake & Palmer “Trilogy” rigorosamente rock progressive in vinile… è come fluttuare nell’aria tiepida e profumata di tigli dopo un acquazzone estivo. Non vi dico i Led Zeppelin e il loro “House Of The Holy”… blues/Hard rock.., no non ve lo dico ! Me la tirò un po’ !!

Vi metto tutta la play dei Led Zeppelin perché è un album stupendo… ma soltanto uno di Trilogy… perché vi invito a cercare…

“A volte le dissonanze, discordanze musicali creano piccoli grandi capolavori.”

Led…

Emerson…

A domani!🧡

una riga nuova, nuova :-D

Avendo pranzato a base di piovra e patate, peperoni arrostiti, insalata mista, ananas fresca e due porzioni di torta al cioccolato… fatta da mammà, (veramente tutto è stato fatto da mammà…io ho mangiato!)  i casi sono due: o mi stra-cuccio sotto un plaid di lana e sonnecchio fino al pesto buio e oltre , o mi attivo e tolgo tutto ciò che in questi giorni ha rappresentato il Natale & Company, nella mia umile dimora, e poi, benché  stia piovendo, non mi frega ed esco a far due passi, tanto per digerir i peperoni ( li adoro!) Invitatemi a pane e peperoni arrosto e vi farete un’amica per l’eternità 😉

Mi sono servita l’inizio dell’anno mettendo sul piatto vuoto un unico buon proposito: cambiare radicalmente vita, abitudini… tutto di me una volta per tutte!

Se fino all’anno scorso gli addobbi e tutto di queste feste,  veniva riposto dopo il mitico Santo  Biagio (quello che ti fa conservare il primo pezzo del primissimo panettone aperto, per fartelo mangiare il 2 febbraio ( giorno del santo)  per preservarti dal mal di gola e derivati insomma! ), stavolta non arriverà sera che tutto in casa tornerà come se le feste non fossero arrivate, e in fin dei conti siamo nel 2018 e DEBBONO arrivare. Quindi, facendo due conticini,  ho 11 mesi, più qualche settimana  davanti. Il prossimo natale me lo confezionerò brioso, divertente, ricco di serenità e buona compagnia! Prometto!! Sono tre o forse più anni che lo vivo male, triste, apatica, malinconica, infelice, e quasi sempre per via di una storia d’amore che volevo a tutti i costi ma che non funzionava soprattutto quando feste, vacanze e altro erano praticamente davanti  alla   porta .

EMMòBASTAehhh!!!

Non voglio più farmi condizionare dai “fattori”  esterni, dagli uomini, dai parenti, dalle avversità della vita. Se la “falce” assassina non mi rincorre e mi prende prima, giuro stavolta sarà diverso.

PinoCristino” l’ho già spogliato dagli addobbi e lucine varie e l’ho piazzato fuori a riprendersi, fra il caos del mio terrazzo secondario. 

Lo terrò d’occhio  perché è un pino con radici e deve far parte dei miei terrazzi. Eccolo,IMG-6404.jpg

un pochino sofferente ma se la caverà. Lo so, mi conosco!

Quindi adesso vi lascio in pace, io rassetto e porto nella mia soffitta tutto quel che ha a che fare col 2017, chiudo la porta e non ci penserò mai più. 

Ho bisogno di una buona carica… e quindi a tutto volume mi piazzo i… gli

Hüsker Dü. !

Mentre mangiavo mi è venuto in mente  il caro compianto  Grant Hart, il loro fondatore nonché batterista della band… (mi sa che i peperoni han colpito da subito!) 

che in questo loro capolavoro (per me)si rivelano alle mie orecchie completamente opposti ai canoni del punk tradizionale . Anzi azzardo pure che si avvicina moltissimo al progressive rock. “Zen Arcade del 1984 è davvero un disco di grande impatto, in cui per la prima volta la rabbia e la violenza del punk si fondono ad una sfrenata fantasia musicale, tramite temi di carattere introspettivo.  E più “introspettiva” di me in questo tempo chi conoscete?  🙂

Poi esco e vado a prendermi un pochino di acqua piovana! Ciaooooooooo !!!!

(Niente doccia calda! Ci penserà il tempo uggioso a togliermi di dosso vecchiume e stanchezza).