terra di mezzo

12th Of June …💜

12th Of June è un disco personale, quasi intimo, di Lyle Lovett, che racconta in buona parte, della sua vita insieme alla sua famiglia a Klein, una piccola cittadina non distante da Houston nel Texas. Sarò sincera… Lyle Lovett mi è sempre piaciuto, e non poco. Autore di alcune delle canzoni più belle tra quelle che hanno costeggiato i confini di un country songwriting allungandosi al Jazz, includendo anche Blues, Folk, e Swing. Ha svolto anche un’intensa carriera di attore, con ruoli di rilievo in films e serie TV (in questo momento mi viene in mente The Bridge ad esempio), ed è pure stato sposato con la splendida Julia Roberts… Insomma… Lyle possiede un talento cristallino ed è di una modestia sia come persona che come artista, a dir poco sorprendente. La dico tutta, e senza peli sulla lingua: di un album così, come quello che vi lascio stasera c’è ne vorrebbero molti di più perché fanno di un bene al cuore e all’anima che non si può quantificare mai quanto!

Ascolterete se ne avete voglia ballate classiche nello stile di Lovett, e poi sappiate che ha perfino una struttura musicale nel suo insieme molto ricca, ma non ingombrante. Ballate, slow country molto dolce ed evocativo, e vi capiterà anche di entrare per un momento nella musica che girava in America negli anni cinquanta…

Ma oltre a questo ascoltare che racconta di casa e di famiglia, ci sono ben quattro splendide cover: una dal titolo Cookin’ at the Continental, del pianista e compositore Horace Silver. Le altre tre di standard jazz invece sono Straighten Up and Fly Right di Nat King Cole, Gee, Baby, Ain’t I Good To You di Andy Razaf e Don Redman, e infine Peel Me A Grape, tutte sono impreziosite dalla bellissima voce di Francine Reed, cantante della Large Band,⬇️

Nel centro con la chitarra classica Lyle Lovett

ovvero i suoi musicisti affezionati con cui ha confezionato anche questo l’album. Queste ultime cover sono canzoni che hanno suonato negli ultimi due tour, quindi sono registrazioni rigorosamente live. Preziose ed emozionanti.

Vi lascio il mio pezzo preferito di questo stupendo album ⤵️

e subito dopo tutta la play per chi volesse tenerla in evidenza😀 ⬇️

terra di mezzo

Punto di equilibrio… eggiá!

Ed è con questo “punto di equilibrio” che io vi lascio trascorrere la serata in perfetta armonia. Noi ci leggiamo se non ci sono impicci… domani 😀

Eccola qua… una canzone che ha in se intrecci di american music, dove elementi come il country folk, il blues, il soul, e perfino il rock d’autore, ma mettiamoci pure del sound psichedelico, trovano spesso un felice “punto di equilibrio” con tutto quello che ci circonda….

terra di mezzo

Mastico pensieri‼️

Ascolto…

Ascolto sempre questo brano di Thorn quando i “pensieri” mi prendono allo stomaco provocandomi fitte a volte inaccettabili perfino per il mio peggior nemico, nemica dovrei dire visto che si tratta della mia mente.

Era più facile da adolescente porca miseria! Mi facevo un pianto da sommergere mezzo paese, come fossi stato un fiume in piena, poi improvvisamente disfatta, tiravo su col naso, e iniziavo a comportarmi da scontrosa, acida, indisponente con chi mi capitava davanti. Non durava neanche due giorni quello stato di malessere. Quasi per incanto, tornavo a sorridere, soprattutto dopo aver urlato al cielo un sonoro “ma…vaffa” contro chi mi aveva fatto soffrire. Ripartivo da capo senza strascichi e pentimenti accidenti!!

Crescendo è diventato sempre più duro ripartire da capo. Ho paura… una fottutissima paura di farmi male ancora… perché di male me ne son fatta fin troppo in questo ultimo decennio, e ogni occasione, opportunità, oggi la sottoscritta se la studia a tavolino talmente con un modo certosino che alla fine per snervamento … “quella” fugge senza ritorno. Parlo delle occasioni affettive, per intenderci. Vabbè, datemi pure della deficiente, lo so che me lo merito. Scappo… che è meglio!

Buona giornata a voi tutti

A volte mi chiedo
Come andrà a finire ?
Ho vinto alcuni trofei è vero
Ma indosso pure alcune brutte cicatrici
E prima di andare a letto
Mi inginocchio e prego ogni notte
Mi chiedo se Dio sia fiero comunque di me
Del mio operato in questo mondo Spero di farlo bene (
@persy)