senza peso

 

Dirigimi, sono un disastro
Volta pagina, sono un libro
Letto a metà

Voglio che si rida di me
Si rida con me, solo perché

Voglio sentirmi leggero
E questo potrebbe essere abbastanza

Beh, sono bloccato in questa fottuta routine
In attesa che una seconda mano mi tiri su
E sono finito, sto invecchiando

Se solo riuscissi a trovare il tempo
Non sprecherei neppure un altro giorno
Sono finito, sto invecchiando

Forse non sarà il mio fine settimana
Ma sarà il mio anno
E sono stufo di stare a guardare mentre passano i minuti ed io non vado da nessuna parte

E questa è la mia reazione
Verso tutto ciò che temo
Perché sto impazzendo, non voglio perdere un altro minuto quì

Mi fa credere che io faccia colpo
Che ogni parola
Faccia voltare qualcuno

Voglio sentirmi spericolato
Voglio viverlo, solo perché

Voglio sentirmi leggero
Perché potrebbe essere abbastanza

Se solo riuscissi a trovare il tempo
Non sprecherei neppure un altro giorno
Sono finito, sto invecchiando

Forse non sarà il mio fine settimana
Ma sarà il mio anno
E sono stufo di stare a guardare mentre passano i minuti ed io non vado da nessuna parte
E questa è la mia reazione
Verso tutto ciò che temo
Perché sto impazzendo, non voglio perdere un altro minuto quì

Questo potrebbe essere tutto quello che stavo aspettando
(Aspettando, aspettando)
E questo potrebbe essere tutto
Non voglio più sognare

Forse non sarà il mio fine settimana
Ma sarà il mio anno
E sto impazzendo
Sono bloccato quì

Forse non sarà il mio fine settimana
Ma sarà il mio anno
E sono stufo di stare a guardare mentre passano i minuti ed io non vado da nessuna parte
E questa è la mia reazione
Verso tutto ciò che temo
Perché sto impazzendo, non voglio perdere un altro minuto quì

dell’amore e dell’odio

Nella mia vita non ho mai avuto sfumature di grigio. O tutto bianco o tutto nero. Ora ho cambiato sistema  e concettualmente io  sto nella “terra di mezzo”.

Una regione ben focalizzata nel mio cervello , che a dispetto dello scrittore J.R.R. Tolkien non è fatta  un universo immaginario fantasioso, ma concreto, realistico dove le storie, della mia vita sono compiute, finite, terminate, completate, vissute . Ogni volta  io  prendo una nuova situazione e la porto a termine.

La terra di mezzo è quel posto dentro la testa, è un’ isola dove non hai una presa di posizione. Non hai giudizi ne critiche. Non stai nemmeno in bilico. È un isola. Un isola del Oceano personale Pacifico. E un isola… è un isola.

 

Nella vita si ama o si odia, quasi sempre…

Bene  io sto “nel mezzo”. 

Ti ho amato perché mi hai fatta sognare.   (Non)Ti ho odiato, perché sono caduta.

Il mezzo ? “Niente ”  

Non c’è più niente e  cammino con bagaglio nuovo.

 

Memory

Un continuo andare, venire, scappare,  restare,  reinventarsi, per cosa?

Ho dato un ennesimo colpo di spazzola e proseguo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: