“Intermezzo” fra il restare a casa 🧡 e il restare a casa.

Quando ho preso un po’ di tempo fa questo album, “Intermezzo” di Giovanni Mirabassi, Sarah Lancman, mi si è aperto un mondo di emozioni… dal Poeta, che sentivo un po’ mio, ad un Sabato Italiano… di festa e allegria… sperando sempre nella buona sorte, dicendomi Vedrai Vedrai, proiettandomi nel cuore una nuova Estate da vivere… e così via ascoltando ogni brano prezioso e “diverso” dal solito. Beh, ancora oggi quelle emozioni le sento, ma più vive, le sento più vere, scalpitano e mi fanno pensare che tutto sarà possibile ancora e che tutto sarà diverso e andrà bene. Andrà tutto bene perché il tempo che abbiamo, stiamo imparando ad amarlo cambiandolo in meglio.

Penso di aver fatto cosa gradita…

🧡State a casa…

#iorestoacasa

Sollievo dell’animo🧡

Ci sono messaggi che mi arrivano dai miei pochi amici che valgono davvero come un abbraccio forte 🧡 grazie ad Elisa che mi ha rubato un sorriso …grazie a chi lo ha pensato e scritto… e grazie a chi lo ha messo in giro. Grazie 🙏

Crostata, buon umore… ai tempi del Coronavirus

#iorestoacasa

Le notizie non sono confortanti nemmeno oggi per noi della Lombardia. Un disastro. 😞 Mi sono accorta che la mente (la mia) inizia a farci il callo sui vari bollettini emessi. Bisogna pur difendersi da quel senso di “panico” che a volte arriva a coglierti. Come lo supero ?

Coi dolci si sa io faccio pena … ma oggi mi sono impegnata. Devo trovare sempre un motivo per rendere meno pesante l’emotività che mi coglie. Devo… o son caxxi 🙂

È… dignitosamente buona!

Però ho un segreto! Ho attivato una videochiamata con la mia amica Michela di Corte Maggiore … e ho preparato in diretta la frolla! 👏🏻👏🏻👏🏻 prima…

E dopo…

Buona lenta solitaria domenica…

C’è il sole… e i piccoli fiori si aprono…

C’è anche la musica …

Paolo Nutini ve lo avevo già presentato qualche mese fa… ottobre credo.

Ci sono anche le sirene delle ambulanze che fanno una strana compagnia. Si va avanti. Il cammino è lungo e tortuoso ma… c’è sempre una luce che ci guida.

Il vento smuove le foglie, tutto intorno sembra quasi un paesaggio di un mondo alieno, ma che ha le foglie, e cespugli fioriti che si lasciano accarezzare da lui 🧡

sei con me …

Non mi passa per la testa di prendere il posto di papà dopo la sua morte. Non potrei mai. Il posto di padre, di marito, o di nonno , non lo potrò mai colmare.

In questi giorni di dolore, sofferenza, paura, per il virus che come il “nulla” (ripensando al racconto della “ La Storia Infinita” di Ende), fagocita tutto, prende tutto e non lascia niente se non un vuoto inumano,

E così a volte mi ritrovo a imitare mio padre per dare sollievo al mio superstite nucleo famigliare 🧡

Fave fresche … le prime dalle filiere di serre in Puglia. Ne ho prese poche ma le ho prese! Costano come andare in gioielleria… ma mio padre non badava quando si trattava di primizie. Con la stagione ci stanno poco lo so ma… mamma le adora e io ho bisogno di vederla tranquilla. Manca il suo compagno… ma non le mancheranno mai i gesti d’amore del suo amato uomo.

In questi giorni mi ritrovo spesso a chiedere sostegno a lui , per la strada, quando entro in un super per fare un po’ di spesa. Ci parlo con la mente, sento la sua mano sulla spalla e sento il mio cuore calmo. Le persone che ci lasciano e che amiamo … le abbiamo sempre accanto.

A domani. 🧡

🙏

“Nadia” Evaporata… mi ha donato 🧡 un “guizzo” di verità ❣️

Ron 2

E’ l’Italia che va
con le sue macchinine vrum vrum
sulle piccole autostrade bum
sotto cieli di cristallo blu, blu
E’ l’Italia che va
milioni di sigarette accese
miliardi di totocalci bum
la borsa che sale e che scende
week-end che durano un mese
Da quanto tempo non ti vedo piu’
sei andato in Kenia anche tu? No,
se devo dirti la verita’,
ma ci andro’…
Tutti che partono nessuno sta’
almeno tu, rimani qua!
No, ho appena fatto le valigie
tra un’ora caro partiro’
Strade e citta’ sono deserte
c’e’ un buio che ci si perde
sono chiusi anche i bar.
E’ un’Italia che va
nessuno ormai la ferma piu’
nemmeno le nuvole nucleari,
le notizie dei telegiornali
uhhhhhh!
lo sai cos’e’, lo sai cos’e’, che c’e’?
Da troppo tempo non ci guardiamo piu’
non parliamo, ci nascondiamo o
per non sapere niente, si va su’ e giu’
noi le domeniche come tante pecore
ci pettiniamo, ci spostiamo,
ho appena fatto il pieno
tra un’ora caro partiro’
lo sai cos’e’, lo sai cos’e’, che c’e’?
Ci sono in giro tante trappole
non siamo affatto liberi, noi!
e giu’ a versare tante lacrime con la TV,
abbiam bisogno delle coccole
a volte siamo ridicoli,
ma guarda che sereno che c’e’
adesso vado partiro’…

A come “Amici” di pelo ai tempi del Coronavirus…

Scusate ma ho dovuto fare un nuovo post! Non si vedeva il video nel precedente e ne vale la pena! 😂

L’amicizia non conosce diversità… e ostacoli,

ma mai più di adesso, in regime di ristrettezze sociali, visto che fra vicini ci si incontra ma a distanza di sicurezza … loro pelosotti, non conoscono davvero ostacoli. Dal tetto con passo incerto, vista l’età e la mole da “manza”…. Berta🐱 viene a trovare Scirek 🐶 sul terrazzo