terra di mezzo

Non sola me ne vó per la città ‼️

Voglia di commentare saltami addosso eh…?!🤭

Succede, succede che non si abbia nulla da dire a volte visto tutti gli strafalcioni bellici , politici, pandemici che ci elargiscono le benamate radio e TV da giorni! E allora si va oltre, si passa allo step successivo. Per compensare il silenzio, l’unica cosa che mi resta da fare è armarmi di buona volontà e agire. A proposito di volontà e di azione… vi lascio un pensierino … (visto che sto a DIETA), che magari vi scatenerà un ghigno grugnoso con annessa OLA, come se foste allo stadio. E sarebbe già tanto per me se accadesse perché comunque possa andare a finire , io avrò comunque raggiunto l’obiettivo di scatenar brusii ! WordPressiani miei, io stasera sono fuori (di testa sempre🤣), uff che mi interrompi sempre😠… Dicevo, sono fuori, nel senso che è un sabato sera tutto da vivere in buona compagnia per me!🤣. Ritornando alla OLA.. vi lascio il mio sorriso sazio che è tutto un bel dire🤣

terra di mezzo

‼️Albedo

Certo è un sogno atavico, proiettato nell’infinito dell’universo che sempre cambia e sempre sa confondere… Certo è che c’ho creduto tanto da infilarmi le unghie affilate nella pelle per sentire il mio respiro sordo. Certo è che sono satura di giochetti e sotterfugi, di strategie mal gestite e di miracoli programmati. Il mio di mare, mi lascia sempre senza fiato, ma è il mio di mare… e lo conosco fin nelle sue profondità più recondite, fin nelle fessure più strette dei suoi scogli sommersi, e a discapito di quel che lascia intravvedere, io nel suo abisso oscuro, vedo sempre la luce bianca riflettente.

Paisley Underground ✌️
terra di mezzo

Jazz e molto altro‼️

Quando la pandemia ci mette lo zampino… iniziano i viaggi introspettivi di molti musicisti, soprattutto viaggiano nella ricerca del suoni , dei timbri, dei colori…e allora magari qualcuno tira fuori da sotto il letto La valigia dei sogni, e inizia a farli scorrere.

E che cosa sono i sogni in valigia se non l’altra faccia della realtà, una seconda vita, dove tutto è immaginabile e costruibile?

Vi do due possibilità per capire che cosa sta trasmettendo questo pezzo musicale …

1 –O descrive il territorio della Cueva del Zopilote, dove alcuni anni fa sono stati ritrovati fossili marini; oppure addentrati nella Cueva de los Caracoles, uno spazio millenario dove risiedono le radici del nostro pianeta…

OPPURE…

2 –Parla di avvoltoi… di avvoltoi che non hanno la possibilità di emettere suoni o versi particolari, se non quelli che si sentono emettere dalle loro prede… piccoli animali appena nati soprattutto negli allevamenti bovini… Zopilotes che volteggiano alti, gli avvoltoi messicani sono formidabili … 😉

Quanto mi piace fare queste contrapposizioni a volte quando si tratta di musica di un certo spessore.

COMUNQUE

Questo chitarrista italianissimo, anzi toscano DOC della provincia di Pisa per l’esattezza, si chiama Daniele Morelli e insieme al percussionista Matteo D’Ignazi ha realizzato un album di rara bellezza musicale. Un album dalla forte base jazz ma arricchito da altri linguaggi musicali. Quello che non sapete é che da più di 10 anni ormai lui si è trasferito in Messico e, con ogni probabilità proprio il sound della California messicana in materia di jazz, ha contribuito molto con la realizzazione di questo album. L’album porta il titolo La Valigia dei Sogni e contiene 17 brani. Io ve ne ho postato solo uno, gli altri 16 se vi incuriosisce l’artista, sapete come trovarli…

Fatevene un’idea…🤣

Zopilotes