terra di mezzo

cinismo risolutivo “cercasi Cesaricidio disperatamente” ‼️

Ormai Internet e tutte le reti televisive possibili e immaginabili sono completamente assorbite dal gravissimo problema del conflitto vergognoso tra Russia e Ucraina…

Per quanto mi sia impegnata seriamente oggi per evitare il più possibile di trovarmi dentro questa propaganda becera, per certi versi doverosa ma per altre completamente fuori dagli schemi dell’informazione corretta, quello che più mi ha intimorito è stata la moltitudine di articoli soprattutto sulla rete, e di dicerie televisive sul come comportarsi nell’eventualità di un ATTACCO NUCLEARE

visto che l’auto/proclamato ZAR di tutte le Russie, nel suo disegno divino e megalomane, minaccia anche di schiacciare il famoso pulsante rosso… Io questa sera vi lascio con un’amarezza e quel senso di impotenza e frustrazione che mi fa addirittura non sperare più in un atto di civiltà.

Ma penso anche che ormai “l’assassinio” potrebbe essere anche una soluzione a tutto questo inutile disegno folle, che sta prendendo sempre più forma nella mente del bellicoso vodkaiolo.

Tradimento o non tradimento il contesto era diverso in quel tempo? Ma Mi sa proprio di NO cavolo … Toglierselo dai “MARONI” e prima che accada l’irreparabile! Non vedo altra soluzione per adesso, e in fin dei conti come periodo ci siamo, era marzo anche all’epoca del misfatto risolutore !

ONESTAMENTE ???? Spero tanto che quello che venne fatto a Cesare, si ripeta!

E poi la storia insegna e insegna anche parecchio ‼️

Tu quoque Brute, fili mi. Secondo la tradizione questa frase fu pronunciata da Giulio Cesare nel momento in cui venne pugnalato a tradimento, il 15 marzo dell’anno 44 a.C., da un gruppo di congiurati tra cui c’era anche il figlio adottivo Marco Giunio Bruto. Si tratta delle celebri Idi di marzo, divenute sinonimo di tradimento inaspettato e gravissimo, del tradimento di un figlio nei confronti del proprio padre. Erano circa sessanta i senatori che il 15 marzo del 44 a.C. compirono l’assassinio che passerà alla storia come Cesaricidio. A muoverli fu la paura e l’amore per le istituzioni repubblicane della Roma antica. La loro finalità era stroncare sul nascere la minaccia rappresentata dal forte potere personale conquistato da Giulio Cesare da “dittatore”, che temevano potesse portarlo a incoronarsi “Re di Roma”. Ma tra i “cesaricidi” c’erano anche alcuni personaggi che a Giulio Cesare dovevano molto – se non tutto – della loro fortuna politica, tra i quali Gaio Cassio Longino e, appunto, Marco Giunio Bruto.

terra di mezzo

cavernoso tormento.

Lettera a Mark

“Mi manchi… mi manchi profondamente. I giorni sembrano diventare più difficili adesso, e gli avvenimenti su questa terra si susseguono nefasti da quando non ci sei più. Sono talmente bellicosi, violenti, che mi appaiono surreali e come se tutti fossimo diventati figli di un dio che non conosce tregua, un dio che non sa come allungare la mano per fermare il tempo. Mi rammento di te, in questi momenti cupi, di come eri ai miei occhi, un demone oscuro, in continua ricerca di un respiro caldo. Ecco, anche io vivo questo senso di oscurità che da tormento, perché sento la paura che incalza e non da tregua. Mi consola il pensare che almeno ho sempre la tua voce per compagnia, da ascoltare, e le tue parole da dosare con cura, i tuoi libri da leggere, da assimilare, da cui trarre forza . Per come ti ho vissuto, sappi che non basterà tutto questo, perché non ci sarà più un seguito ormai, e il vuoto che ho dentro, perdurerà eterno. 😕 Cate

I Gutter Twins sono un gruppo musicale statunitense, formatosi nel 2003 dalla collaborazione di Mark Lanegan e di Greg Dulli. In questo brano che vi lascio in ascolto loro due cantano assieme “Girl From the North Country” nella versione di Bob Dylan con Johnny Cash. Nella cover del pezzo che in originale si trova nell’album Nashville Skyline di Dylan del 1969 Dulli intepreta il ruolo di Dylan, mentre Lanegan quello di Cash, con l’accompagnamento di un pianoforte…

⚠️ se volete ascoltare la canzone di Bob Dylan con la collaborazione di Johnny Cash cliccate sulle note ⤵️

🎶🎵🎶🎵🎶🎶