terra di mezzo

Parole alate e tempo fugge.

“Senza regole, tutto diventa più mostruoso”

E si sta già notando… A volte vorrei tanto chiudere gli occhi per non vedere più immagini di guerra e vorrei tapparmi le orecchie, per non ascoltare più parole che incutono terrore e poi dolore, ma vivo in questo tempo, questo accade. Per certi versi inizia a sembrarmi tutto molto precario, ma vivo in questo tempo e vado avanti continuando a fare qualcosa, anche se in piccolo, per aiutare chi ne ha bisogno. C’è bisogno dell’aiuto di tutti per andare avanti.

…Ninna nanna, pija sonno
ché se dormi nun vedrai
tante infamie e tanti guai
che succedeno ner monno
fra le spade e li fucili
de li popoli civili


Estratto da “La ninna nanna della guerra” di Trilussa

terra di mezzo

‼️Il “Fabri” capisce…

Passa il tempo sopra il tempo
Ma non devi aver paura
Sembra correre come il vento
Però il tempo non ha premura
Piangi e ridi come allora
Ridi e piangi e ridi ancora
Ogni gioia ogni dolore
Puoi ritrovarli nella luce di un’ora

Volendo leggere tra le righe, seppure il tempo non mi permetta di vivere per sempre le mie gioie ed i miei dolori, questi rimangono comunque con me, impressi nei ricordi e possono pertanto essere da me rivissuti.

Questa canzone è un’affettuosa serenata ad una signora che si sta affacciando alla terza età. Con una melodia che trasmette una forte sensazione di nostalgia…È come un ballo lento con cui il Fabri accompagna questa donna appunto, in una nuova stagione della sua vita in cui si manifestano sempre più evidenti i cambiamenti del suo corpo portati dall’invecchiamento.

Si vede proprio che si avvicina il giorno del mio 58º anno…🤦🏻‍♀️ e ammetto di provare un po’ di nostalgia, per i miei tempi passati ma mi rendo anche conto che la vita continua ad offrire sempre nuove occasioni … basta coglierle 😊 buona giornata. !