terra di mezzo

Giangrande ‼️ il mio regalo per la buona notte…

Massimo Giangrande è un raffinato cantautore romano, emotivo e spontaneo che disegna paesaggi interiori molto personali. La sua dimensione sonora richiama le notti di Nick Drake, il folk di Neil Young e le melodie più accattivanti degli anni ’80… In ogni suo album si raccontano storie intense e bellissime e a volte anche malinconiche, di vite vissute con fatica, con passione, con amore.

Ve lo presento con una traccia romantica, quasi viscerale direi, che ho preso dal suo album Directions del 2013. Esattamente. “Love Won’t Tear Us Apart,”

Questa canzone forse è una semplice dichiarazione d’amore, o magari una estenuata risposta a quello che molti anni fa ci hanno insegnato i Joy Division, con la loro Love Will Tear Us Apart… 🤭

Se vi piace Massimo… andate a scoprire di più!

terra di mezzo

‼️Letting The Cables Sleep

Quanti di voi conoscono i Bush io non lo so ma quello che posso dirvi a caldo è che io mi sono imbattuta in questo gruppo inglese circa 5 anni fa nonostante fossero in giro già dal 1992.

Questa band si è sciolta per un periodo abbastanza lungo nel 2002 per riprendere poi a fare dischi nel 2010. (Esattamente lo stesso anno in cui invece io ho iniziato ad appassionarmi di musica) Forse il destino ha voluto così dovevo incontrarli quando di musica iniziavo a capirne un po’ di più , ma soprattutto quando la mia curiosità ormai era bella e ben affinata.

Sono arrivata ad una conclusione tutta mia in questi anni, e cioè che i Bush sono uno di quei gruppi hard rock post grunge che proprio non riescono a suscitare indifferenza negli ascoltatori. Son stati perfino accusati di essere dei cloni dei Nirvana al momento del loro esordio nel 1994 con il loro primo album “Sixteen Stone”, e di aver cavalcato l’onda del grunge, ma da altri appassionati, son stati invece osannati (soprattutto negli Stati Uniti), per aver contribuito in modo fondamentale all’ascesa di questo fenomeno musicale e generazionale, il grunge appunto.

La band è capitanata da Gavin Rossdale che è riuscito a portarli al successo quando hanno pubblicato nel 1999 il terzo l’album studio intitolato “The Science Of Things” C’è da dire che da questo album in poi la formazione inglese ha iniziato ad allontanarsi dagli ingombranti paragoni del passato fino a trovare la propria strada aprendosi alle sperimentazioni e all’uso massiccio di elettronica, affinando soprattutto quel sound che li aveva portati al successo.

Di questo fantastico album hard rock di cui (e lo sottolineo) sono totalmente rapita, ho estrapolato invece per voi un brano bellissimo e delicato. “Letting The Cables Sleep⤵️ scritto da Rossdale , per un suo amico malato di Hiv.

Recentemente ho scoperto una cover di questo brano fatta dai Apocalyptica

un gruppo musicale symphonic metal strumentale finlandese, di Helsinki. Ecco, questo gruppo è composto da violoncellisti di formazione classica, specializzato nel repertorio heavy metal…

Vi suggerisco di seguire i Bush , e vi suggerisco anche di approfondire gli Apocalyptica !

Soprattutto in assoluto vi suggerisco di trovare del tempo per mettervi tranquilli ad ascoltare per prima la versione originale dei Bush della canzone postata e poi la cover … perché ne resterete alla fine emotivamente sbandati, poi rapiti, ma soprattutto… scopritelo da soli☺️

terra di mezzo

Born in…‼️

Cari WordPressiani… , sto a chiedere di dedicarmi un momentino della vostra attenzione perché io ho bisogno di dirvi una cosa assai importante…

Ufficialmente tra nove giorni e qualche ora esatti io compierò i miei primi (e unici)

Ora mi sento di farvi una domanda seria:

Ma per caso, avreste qualche suggerimento da darmi per iniziare a vivere quest’età (che mi si sta mettendo di fronte inesorabile per certi versi), al fine di evitarmi paranoie incontrollabili e seghe mentali allineanti?

Comunque, qui è tutta una questione di Mercato, perché si sa che La “domanda” è il concetto complementare dell’offerta… quindi … pensate, fate, e dite…mi! Thank!!