terra di mezzo

‼️”Solitudine…”

Italo Calvino “Le Città Invisibili” (1972): L’inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n’è uno, è quello che è già qui, l’inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l’inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all’inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio.”

Ora: il potere della Musica cuce e rammenda il dolore, la solitudine , unisce in una catena di sentimenti umani in cui riconoscersi e sentirsi tutti più vicini.

Provare a connettersi:

Se aprirete le vostre orecchie a Bill Ryder-Jones, potrete star certi di ricevere in cambio la compagnia di un amico per passare i lunghi pomeriggi invernali e aspettare con nuove speranze la primavera. “Yawn” è un album con tonalità seppia, carico di malinconia e bellezza, relazioni e rotture. Un album che allo stesso tempo può far piangere o confortare, soffrire o sognare.

BUONA SERATA

9 pensieri riguardo “‼️”Solitudine…”

    1. Non so se può interessarti ma questo cantautore musicista ha fatto qualche anno fa un album mettendo in musica uno dei più bei libri di Italo Calvino “Se una notte d’inverno un viaggiatore…”

I commenti sono chiusi.