terra di mezzo

L’in-Canto del vino

Quando i miei occhi si posano su “certi” quadri d’autore… io mi inebrio.

Foto Chicca 2021

Un buon vino fa sognare, appassiona, suscita ricordi, e crea nuove strade per accendere emozioni.

Foto Chicca 2021

Se poi l’aria intorno prende calore, il jazz fa da padrone perché al piano canta Nina Simone… beh, allora tutto diventa emozione pura…

Album: Wild Is the Wind del 1966

In questa canzone Nina ha perso qualcuno che ama, e l’unico modo per ritrovare se stessa e per sentirlo vicino è quello di smarrirsi nell’oblio dei sensi bevendo il vino di lillà.

Secondo una antica credenza i fiori di lillà dovrebbero avere la capacità di purificare dal male il luogo dove venivano piantati.

Ubriacarsi con il vino di lillà è l’unico modo per lei di ritrovare se stessa.

30 pensieri riguardo “L’in-Canto del vino

      1. Mi bastò io che mi inebrio con le mie defic-I-enze 😄👩‍🦳

            1. Paola non lo faccio per cattiveria ma io continuando a cambiare il tuo nome io mi confondo ti ho scambiato per un altro blogger quello di chiedo ai sassi… Perché a volte la striscia lunga di un nome mi ricorda lui tu ultima volta eri con un nome più corto. Ti giuro che non è per cattiveria ma veramente mi confondi non mi sono ancora abituata!

    1. C’è ne sono … dai Bandabardò a Sinatra Max Gazzé Billy Joel… di questa che mi hai messo … non ne so nulla!😃 non é una rivisitazione di quella di Piero Ciampi “il Vino” vero? 🤭

I commenti sono chiusi.