Tuttomondo

Era luglio 1989 quando il writer newyorkese Keith Haring realizzò il murale “Tuttomondo” sulla parete esterna della canonica della chiesa di Sant’Antonio Abate un’opera di 180 metri quadri che avrebbe cambiato per sempre il volto di Pisa L’artista era già gravemente malato di AIDS e morì poco tempo dopo a soli 31 anni il 16 febbraio 1990, Tuttomondo è dunque l’ultima grande opera da lui realizzata.

Tuttomondo è un inno alla gioia donato dall’artista alla città di Pisa, il suo testamento spirituale, una celebrazione della vita umanamente gioiosa e un messaggio etico globale rivolto a tutti, nessuno escluso. “In questo murale ho disegnato tutto quello che riguarda l’umanità… – ha scritto Haring – è fatto di simboli delle differenti attività umane, è una sintesi delle problematiche della vita di oggi. Non mi sono dedicato unicamente alla vita degli uomini ma anche alla vita degli animali, ecco perché vedete delfini, scimmie e altro. È un affresco della Vita in generale”. (Dal web)

Personalmente l’ho visto in corso d’opera, perché mi trovavo a Pisa in quel periodo … ma non sono mai più riuscita a tornare per vederlo in tutto il suo splendore …

Tuttomondo foto dal web

Di dovere…

Ultimo album 1991.

2 commenti su “Tuttomondo

  1. Io l’ho visto dal vivo ed è davvero be,llo!!!

    • Ho fatto il viaggio di nozze in Toscana lo sai … andavamo a visitare quella chiesa e… era solo un abbozzo fra impalcature gente varia… con ogni probabilità ho pure visto l’artista ma in quel tempo non ero così interessata alla Street Art e neanche una osservatrice attenta…🤦🏻‍♀️

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: