terra di mezzo

Un blog a tutta PIZZA!! ðŸ•

Io quando faccio questi incontri in rete su WordPress soprattutto, praticamente inizio a far sbrilluccicare gli 👀 e a 😋😋😋😋!!! Non è tantissimo che lo seguo Alepizza però più passa il tempo più mi affeziono e più mi appassiono perché l’argomento base è sua signoria la PIZZA!

Se ho capito bene lui è un pizzaiolo quindi lui sa il fatto suo, in materia di PIZZA. Credo che mi arrabbierò con lui solo quando metterò su peso… 😂😂😂 Ma come si fa a dire di NO alla pizza??? Ale (Alessandro) lo fa di mestiere e secondo me è proprio bravo perché é semplice nell’esposizione, ma soprattutto se le inventa pure le pizze, oltre che a svelarci segreti e trucchetti vari sulle materie prime e il loro assembramento migliore. Quindi non solo ve lo consiglio ma anzi lo consiglio a tutti tutti, soprattutto ai più scettici di palato ma ancora di più agli appassionati di pizza e derivati! ( sto vizio di fare la rima ! )🤦🏻‍♀️ Ale… Alepizza, grazie!!!🍕

Questo qui sotto é il link del suo blog! Andateci

https://pizza2010.wordpress.com/

terra di mezzo

Media e politica ormai come “olio di serpente”

Non lo penso solamente ma lo attivo anche, perché lo ritengo di assoluta sopravvivenza globale il fidarsi e basta della scienza e degli studiosi in campo medico, competenti e che hanno i titoli per farlo che dare retta ai venditori di “olio di serpente“, venditori di false speranze, imbonitori del nulla, nonché delle schiere di seguaci decerebrati che imperversano sui social e manifestano nelle piazze.!

Questo é quello che io penso dopo mesi di sparate assordanti e fastidiose nelle mie orecchie di chiacchiere tra NO vax NO tax NO Fax , NO Green, manifestazioni pacifiche e infiltrazioni varie, proteste, cortei, Green Pass tamponati, vegani affetti da sindrome del cibo sano e guaritore, preti che professano l’aria pulita come medicina contro il virus, negatori del virus stesso, violenze gratuite o strategicamente organizzate a tavolino e se vado avanti completo l’enciclopedia della paranoica pandemia aliena. Ma porca putt… di quella Eva ( che poveretta ha solo commesso l’errore di mangiare una mela… perché carente di fibre per regolarizzare l’intestino pigro e annoiato) quand’è che la finiranno con questa storia dei vaccini si, vaccini no, guadagni illeciti, giochi di potere, politica marcia, propaganda illuminista , riformismo corrotto , fino allo sprofondamento razionale ( a detta loro) di una fetta del globo dentro l’era della pietra, fra la scoperta della ruota panoramica distorta , e compagnia bella? Mi sono rotto veramente le palle!!

terra di mezzo

Brian Eno? è come l’infinito per me ðŸ’š

Sognare è un percorso tortuoso e su questo penso che pochi siano capaci di affermare il contrario. A volte, quando si ascolta la musica giusta, sognare, risulta anche più facile… specialmente quando si ascolta Before and After Science, un album del 1977 di Brian Eno. Eno è davvero uno dei massimi risultati del pioniere delle nuove forme musicali e della musica “ambient” ormai é indiscutibile. Di questo album, che ho finito di riascoltare per … per… francamente non so dirvi da quanto tempo ascolto e riascolto questo album, ma non divago o mi perdo davvero. Vi stavo dicendo che di questo album oggi ho preso un brano per fare il post. É un brano molto particolare a cui sono molto legata. By This River, secondo me fa parte da sempre della playlist ideale da portare su un’isola deserta, perché prevalentemente é fatto di un’atmosfera rarefatta, con Eno che canta in tono dimesso, mentre il piano e le tastiere si accarezzano ricamando un tessuto prezioso. Una composizione che è uno sbadiglio d’anima, che indirizza al raccoglimento, alla calma, un vero capolavoro ecco! 💚

Il testo, che vi ho messo tradotto, narra con immensa dolcezza l’evoluzione di ogni amore. Impetuoso, vibrante come le acque di un fiume, e poi calmo, rilassato come l’oceano. Una calma che può anche spaventare perché sembra essersi persa per strada nel tempo la passione , (lo scorrere dell’acqua del fiume), ma se si focalizza anche l’oceano questo in realtà é fatto di una dimensione più ampia, più importante. Gli argini stretti del fiume durante lo scorrere delle acque sono saltati ma la casa dove viversi ed assaporare la maturità del sentimento diventa immensa… ( non so se sono riuscita a spiegare bene cosa, dal mio punto di vista, e per come la vivo, sia davvero questo bellissimo brano di Eno…) Sperem!

“Siamo qui
Ipnotizzati da questo fiume
Tu ed io
Sotto un cielo che continua a cadere giù, giù, giù
Continua a cadere giù

Dopo aver attraversato il giorno
Come se fossimo in un oceano
Stiamo aspettando qui
Sempre senza riuscire a ricordare perché siamo venuti qui, qui, qui
Mi domando perché siamo venuti qui

Tu mi parli
Come se lo facessi da una grande distanza
Ed io rispondo
Con sensazioni, prese da un altro, un altro tempo, un altro tempo
Da un altro tempo