Dell’amore e dell’arte del sapersi cullare ancora.

Volete ascoltare una canzone dei tempi lontani, portata alla luce di recente, dal suono intimo essenziale, particolare, come spesso mi piace fare, in giornate un po’ uggiose, come quella che oggi c’è da me in città? Una sorta di prolungamento “dell’arte del sapersi cullare.”😊

Colin Hay é un cantautore/cantante . Il suo amore per la musica è nato nella nativa Scozia mentre lavorava nel negozio di dischi dei suoi genitori e ascoltava i successi del giorno. A casa durante la quarantena nel 2021 Hay ha iniziato a registrare brani cover di alcuni dei suoi cantanti e band preferite in gioventù. Da “Waterloo Sunset” dei Kinks a “Ooh La La” di Faces e “I Just Don’t Know What to Do with Myself” di Dusty Springfield e molti ancora. Hay é riuscito così a regalare agli appassionati una raccolta personale di classici lussureggianti reinterpretati proprio da lui grazie al suo nuovo album dal titolo “I Just Don’t Know What To Do With Myself” uscito questo agosto passato. Un album che mette in mostra sia il suo talento nell’interpretare canzoni, che la sua voce iconica.

Vi lascio in ascolto uno dei brani più belli far i tanti da lui interpretati e rivisitati.

“Wichita Lineman” é in realtà un brano country del 1968 di Glen Campbell e l’originale lo potete ascoltare qui.

11 commenti su “Dell’amore e dell’arte del sapersi cullare ancora.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: