terra di mezzo

1º ottobre

Sicuramente avete fatto caso che da qualche giorno mi è preso lo schiribizzo di dare un po’ di luce tramite il mio blog alla città dove vivo. Spero che questo mio fare un po’ inusuale vi piaccia! Questo è il periodo dell’informazione e cultura insieme alla musica che mi piace farvi incontrare!

Che giornata oggi … più che autunno direi primavera inoltrata! La biancheria stesa si asciuga e l’aria é piacevolmente tiepida. Terrazzo di Francesco: l’acero rosso é tutto con le punte delle foglie arricciate, tra poco tempo inizieranno a cadere tutte come ogni anno per il piacere del ballatoio sottostante. Ho notato invece che l’albero delle mele selvatiche è stracolmo e presto faremo come sempre la raccolta. Cosa ci facciamo? La marmellata! Si la marmellata di mele selvatiche! Che ci puoi fare con le mele selvatiche oltre a farle rubare dai merli? Nient’altro ! Di solito un tre barattolini riusciamo a riempirli, lo stretto necessario per la corte balorda! A guardare quell’albero mi è venuto in mente una canzone di Branduardi, vedi un po’ che praticamente lo ascolto pochissimo. So che la conoscete benissimo ma io stasera vi lascio questa perché é a tema con il contorno !

Foto mia 01/10/2021

Album – Cogli la prima mela 1979

“Danzala la vita tua
Al ritmo del tempo che va
Ridila la tua allegria
Cogli la prima mela-a.
” 🤗

terra di mezzo

Biblioteche d’altri tempi

A Milano non mancano certo le biblioteche, salvezza per gli studenti e oasi per chi ama leggere. Alcune di loro, però, sono anche dei veri e propri gioielli da visitare – ovviamente gratis! Una é la Biblioteca Braidense di Brera, una delle più importanti biblioteche d’Italia. É ben organizzata per la consultazione. Si può ammirare dalla Pinacoteca attraverso una porta di vetro ma è più affascinante una visita. Le pareti delle sale sono rivestite da librerie antiche, al centro sono disposti grandi tavoli per lo studio e vetrine in legno lavorato, lampadari di cristallo illuminano i soffitti affrescati. Periodicamente la Biblioteca mette in mostra i suoi capolavori. Il personale è competente e disponibile, e ci sono delle bibliotecarie che narrano la storia della biblioteca e delle sue collezioni.

https://bibliotecabraidense.org/

Poi c’è la Biblioteca Umanistica dell’Incoronata, o meglio dire “libraria” agostiniana dell’Incoronata. É un gioiellino dell’arte rinascimentale, anche se non è rimasto molto dell’antico splendore. É un’aula a tre navate, divise da colonne, con la volta centrale a crociera decorata con il trigramma IHS (Iesus Hominum Salvator ovvero “Gesù Salvatore dell’Umanità”) in cui sono visibili diversi tipi di pitture murali, tanto che viene considerata unico e raro esempio di biblioteca con affreschi a Milano. Affascinante, pur mancando i banconi dove venivano collocati i libri che dicono essere umanistici e non solo religiosi. Vale la pena visitarla comunque proprio per i numerosi affreschi oltre che per il chiostro.

http://www.parrocchiasantamariaincoronata.it/la-biblioteca-umanistica/

Dalla rete

terra di mezzo

Milano multiforme …

Ci sono ville, giardini, case di ringhiera interessanti. Milano è una città segreta e timida. Milano è una città bellissima che riserva angoli di pace e serenità incredibili, passeggiare per le sue vie ti permette di imbatterti in vari periodi storici dal periodo romano fino a quello moderno… ma c’è mooolto ma mooolto di più !

Leggete qui sotto un articolo mooolto interessante. 😃

“A Milano, nel quartiere Maggiolina, è possibile ammirare delle bellissime case a forma di igloo, o di fungo. Scopritele con noi!

A Milano è possibile vedere delle case a forma di igloo: avete capito bene, igloo!

Proprio dietro la famosissima via Gluck di Celentano, sorge il quartiere Maggiolina, un quartiere residenziale pieno di ville liberty stupende e di casette mignon a forma di igloo.

E’ bello perdersi per le vie di questo quartiere, che ho visitato oggi per la prima volta in una stupenda giornata di sole autunnale, per vedere come a Milano sia possibile trovare angoli di pace e bellezza, con case davvero belle (e a chissà che prezzi!).

LE CASE A IGLOO

Le case a forma di Igloo del quartiere Maggiolina si trovano in via Lepanto: costruite alla fine degli anni ’40 dall’ingegnere Mario Cavallè, sono vere e proprie abitazioni a pianta circolare di circa 45mq (più un’area piu piccola sottostante che fnge da cantina) con ingresso, bagno, due camere e cucina, circondate da una piccola porzione di giardino.

La particolarità di queste case è dovuta al fatto che sono ovviamente circolari, di cemento, e sono state costruite con un sistema a volta che permette di non avere muri portanti se non la stessa struttura esterna dell’igloo: questo permette quindi massima flessibilità per gli ambienti interni, che potevano essere disposti a piacimento.

Inizialmente le case igloo edificate erano otto, mentre ora ne rimangono 6, di cui una putroppo totalmente abbandonata.

Mentre giravo per scorgere queste case igloo (che assurdamente sono ormai circondate da condomini e palazzine normalissime), cercavo di spiare gli interni per vedere come erano arredate, ma ho avuto poca fortuna!

Tutto l’articolo e molto di più lo troverete qui ⬇️

https://www.viaggiatorineltempo.com/viaggi/italia/milano/la-maggiolina-alla-scoperta-delle-case-igloo-di-milano-e-del-quartiere/