terra di mezzo

Arte contemporanea… Art Week 2021 in città.

Strappo alla regola, perché oggi mi ci sono persa dentro e pure oltre … Milano è un caos micidiale, sembra di essere immersi in uno scenario dove la pandemia è un ricordo lontanissimo… e dopo la design week, è arrivato pure il momento dell’art week in questa settimana prossima a chiudere i battenti domenica 19.

“Focus di questo 2021 è la parola poetica, interpretata come forma di linguaggio universale, che marca la sua presenza fin dal titolo: Dismantling the silence, dall’omonima raccolta di versi del poeta statunitense di origine serba Charles Simić, a cinquant’anni dalla sua pubblicazione. “ (fonte: Milano Weekend.it).

Le Interessanti proposte sono proprio quelle del fine settimana, quindi vi lascio il link per andare a curiosare cosa c’è ancora da scoprire.

https://www.milanoweekend.it/articoli/milano-art-week-miart-programma/

L’ oggetto del mio interesse é proprio legato a Sabato 18 settembre perché apre al pubblico:

MONET. DAL MUSÉE MARMOTTAN MONET, PARIGI Palazzo Reale (Piazza del Duomo, 12)

E io già penso ai Verdeggianti salici piangenti… e non solo…

Vi lascio il link del Palazzo Reale per curiosare e magari prenotare! …

https://www.palazzorealemilano.it/mostre/opere-dal-musee-marmottan-monet-di-parigi

Serata magica.

terra di mezzo

Parole…

Quante… non si possono contare. Quante ne sforniamo nel bene, nel male, arrabbiati, con furia, rancore, con disprezzo, amore, per dolore, gioia, allegria, dolcezza, pacatezza…

Parole capricciose sdrucciolevoli, isteriche… Ogni stato emotivo ha in serbo un fiume, che dico!… una valanga,che parte dall’apice del monte più alto del mondo strapiena di parole per arrivare fin giù a valle. A volte scivolano con fare logorroico, a volte guidate da una sintassi che fa lampeggiare immediatamente la lampadina sopra la testa.

E poi le parole semplici, quelle che arrivano a tutti, quelle che toccano il cuore. Pure quelle che non sono mai banali o scarsamente significanti. Sanno essere anche parole “essenziali“, giuste, nette, che sanno unire perché in fondo dividono le buone dalle cattive intenzioni. Le parole hanno un senso profondo nella nostra vita. … Le parole, o meglio ancora, il modo in cui “escono” dalla nostra bocca, riescono sempre ad esplicitare il nostro stato d’animo, (e l’ho già detto all’inizio). Si capiscono moltissime cose dell’umore di una persona solamente ascoltando come vengono dette le parole e lo sappiamo che le parole sono la più potente droga usata dal genere umano. Ci distinguono, ci fanno raggiungere i nostri sogni, e sono l’arma più potente che abbiamo nella nostra vita. Insomma… un’enciclopedia infinita di parole che abbiamo modo di usare finché teniamo fiato in corpo, e tutte quelle nuove, vanno dritte in fila … all”Accademia della Crusca” per essere ben analizzate !🤗

Beh, dopo tante parole… mi va proprio di scegliere una canzone che di parole ne chiede solo tre! 😃

Non ditemi adesso che siete rimasti tutti senza parole perché non ci credo!!!🤦🏻‍♀️

Album: Ricordatevi dei fiori del 2001

Ve la ricordate?????😃