Il rito.

Quando mi capita di passare da Porta Nuova, dopo aver attraversato la Passerella Gioia sospesa, che mi permette di andare dalla Torre Diamante in Gae Aulenti, faccio qualche passo e mi fermo esattamente in questo punto che ho fermato. Divento noncurante della gente che mi passa vicino. Mi estraneo completamente dal mondo, allungo lo sguardo e inizio ad immagazzinare tutta l’energia che mi trasmette. Mi fermo sempre qualche minuto, é più forte di me. Lo vivo come un rito propiziatorio benevolo. Ci sono tutti gli elementi naturali intorno, l’aria, la luce, l’acqua, il legno il metallo, il verde, la terra fertile… Alla fine immobile, chiudo anche gli occhi e mi rigenero. Per me è diventato un mondo a volte difficile da gestire, ma qui in questo punto esatto, io immagazzino tutta l’energia e la forza che mi serve per proseguire il mio viaggio di vita. Per qualcuno sembrerà strano, inusuale e un po’ folle, che mi comporti così in un luogo simile, ma per me, che ho visto il suo embrione pulsante svilupparsi piano piano, e poi crescere e infine nascere, col tempo ho iniziato a farne parte anche io, diventando parte di lui. 🙂

19 commenti su “Il rito.

  1. Ti capisco benissimo, a me capita la stessa cosa nelle Groane… Non importa se è natura o città, l’importante è l’energia che si riceve…
    Buona domenica Cate

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: