Il blues… di quello che “tocca” dentro.

Vi auguro una buona continuazione di serata, vi auguro che in molti siate abbracciati a qualcuno di importante in questo momento su un comodo divano, e vi auguro che qualcuno invece prenda l’iniziativa, allunghi la mano, e porti accanto a se chi ha di importante e di iniziare a ballare questo brano, veramente unico nel suo genere.

Io non ho un divano, e non ho neanche qualcuno di importante accanto a me, e allora ho deciso di ballare lo stesso, abbracciata a me. Basta chiudere gli occhi e lasciarsi andare. A domani.

Questo brano fa parte di Feels Like Rain, l’ottavo album in studio di Buddy Guy, pubblicato nel 1993 John Hiatt, l’ha ripresa in mano e compare anche nel suo album Slow Turning pubblicato nel 1988.

È un pezzo di rara bellezza, un blues caldo come pochi, ve l’ho dedicata…💚

15 commenti su “Il blues… di quello che “tocca” dentro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: