L’Ispirazione Visiva mi porta a parlare di …

Si é detto di tutto riguardo al genere musicale in cui collocare i Morphine Si è tentato con Low Rock. Blues Rock. Indie Rock, ma il grande Mark Sandman in un’intervista, sintetizza il loro stile in grunge implicito più che altro per l’arco temporale in cui sono usciti i loro dischi, ovvero durante tutti gli anni novanta.

Quando si ascoltano i brani dei Morphine si ha la sensazione di trovarsi dentro un locale di un film noir degli anni cinquanta, di quelli con Humphrey Bogart, con dive del Cinema di quel tempo, bellissime e “impossibili”.

I Morphine sono la colonna sonora perfetta della notte, e della solitudine.
La loro esperienza baritona (altra definizione geniale di Sandman) ha forti influenze sia jazz che blues.

Vi presento uno dei brani più briosi, divertenti, orecchiabili uscito dalla mente di Mark SandmanA Head With Wings” dall’album Cure For Pain del 1993.

Honey White del 1995 dell’album “Yes” è invece uno dei brani più trascinanti in cui l’incontro tra la voce, il sax e la batteria raggiunge il massimo livello…

È vero, ho proprio la Musica nella… sulla… si insomma, in TESTA …🤭

Questo è uno dei miei brani preferiti:

Lilah II” è un bonus track ed é contenuta nella raccolta del 2009, “At Your Service”

Buona giornata !

10 commenti su “L’Ispirazione Visiva mi porta a parlare di …

    • L’ispirazione che il sax sulla testa mi ha dato o i Morphine in se ? Tutt’ e due dai!!💙

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: