terra di mezzo

Vi lascio così ðŸ¤£

Trovate il brano dei Baustelle
dentro il loro album “La malavita” del 2005

Mica sono stupido
Se esisto a vanvera
Coi maiali state chiusi voi
Fàtelo, un disegno a pennarelli di polvere Mica faccio scandalo
Se si drizza in pubblico questo manganello
E non c’è più medico
Se mi lavo solamente se pagano E il cielo è blu
Lo dici tu
Nessuno è blu
Nessuno più
Non c’è la cura
Cristo Gesù
Mi salvi tu
Le botte blu
Dottori blu
Mi fai paura E il mondo guarda
E io non so guardare il mondo e prenderlo
Se sono triste non lo so
Vivo mica mi capiscono
Se descrivo i missili
Quindici anni state chiusi voi
Fàtela, una barca per scappare in America E il cielo è blu
Lo dici tu
Nessuno è blu
Nessuno più
Non c’è la cura Cristo Gesù
Non serve più
Le botte blu
Dottori blu
Mi fai paura La notte, sì
E’ nera qui
In quattro mi violentano
Non ho paura
E gira il mondo
Ed io non so se sono un uomo oppure no
Mi chiamo Sergio e come te
Vivo

terra di mezzo

Il mio rifugio sonoro in città.

Ogni volta che posso … scappo li !

Il 14 febbraio di due anni fa è stata inaugurata una nuova area, una nuova piazza verde ad uso pubblico a due passi da via Paolo Sarpi (Chinatown), e il Cimitero Monumentale. Una nuova area dicevo, realizzata nell’ambito dei lavori per la nuova sede dell’Associazione per il Disegno Industriale (Adi) e della sua Fondazione,che ha in dotazione la storica collezione del Compasso d`Oro. La piazza è stata progettata dall`architetto Alessandro Sassi, , ed è stata pensata come“pausa urbana” per i visitatori dell`Adi e i fruitori del quartiere: panchine, aiuole,

rastrelliere e giochi d’acqua rendono l`area storicamente segregata alla città un luogo di incontro accogliente e gradevole. Nell’area che si allunga verso Piazzale Cimitero Monumentale, invece, è stato realizzato un terrapieno a verde con la posa di ciliegi. Altri elementi rendono la fruizione della piazza un‘esperienza sensoriale e interattiva: le colonnine che emanano profumi e aromi come menta, palissandro, salvia, anice…

una pedana salendo sulla quale viene riprodotto lo sciabordio del mare,

due colonnine di legno che funzionano da telefono senza fili, (ve ne ho fotografata solo una)

un`arpa all’ingresso del parco a disposizione dei cittadini per essere “suonata”

All’ingresso da piazzale Monumentale è inserita l’installazione artistica “Porta dei Suoni” a cura di Ricciarda Belgiojoso, Walter Prati e Guglielmo Prati, che riproduce musica e frammenti melodici che mutano nell’arco della giornata.

Era da tanto che volevo farvelo vedere! Mi spiace per i giochi d’acqua, ma erano inattivi oggi. Questo per me è un rifugio sonoro, un posto dove la musica ha molteplici forme … Vi consiglio di venirci quando la primavera sarà esplosa in città … vi incanterete !