Buona sera…

Che facciamo? Mettiamoci comodi, (io almeno), perché la giornata per me è quasi conclusa…

A casa ci sono arrivata , e riesumare le babbucce natalizie mi consola.

Le renne mi accompagnano in questo cammino un po’ a rilento per la stanchezza.

In questo momento casa mia sembra il luogo più sicuro.

Lascio fuori i pensieri, le imprecazioni, e forse (perché ormai è tutto un forse), lascio fuori anche il virus.

I tempi sono cambiati. Noto le serrande mentre rientro, che si abbassano velocemente, alcune ancora prima dell’orario di dovere, mentre altre da quel che ogni giorno vedo, non si sono mai più rialzate.

Domani mamma compie 87 anni, anni importanti, pieni di esperienza ma anche pieni di sacrifici e di piccole gioie.

Il mio augurio è che vada avanti così ancora per lungo tempo, ad impartirmi lezioni di esperienza, e tentando qualche approccio di abbracci suoi che spesso non vanno mai a buon fine, perché mamma è stata cresciuta così: l’amore, lei lo trasmette con il cibo che cucina.

Pochi sono i gesti affettuosi, le effusioni scherzose ma ciò che conta è, che ancora lei c’è.

Ho deciso di comprarle una torta; l’anno scorso il dolore per papà perduto, non ci ha permesso di ricordare gli anni suoi appena fatti.

Lo ammetto , un po’ ci abbiamo rinunciato a spegnere le candeline, solo per non farla soffrire per quei ricordi vissuti fino a poco tempo prima insieme a lui.

Ma quest’anno no, nessuno e niente potrà privarci di questo piccolo gesto d’amore, che ha portato la mamma, la nonna, ad aver vissuto un anno in più con noi.

È così che vi saluto stasera, con le babbucce natalizie calde ai piedi, e i miei pensieri attorcigliati, che più attorcigliati di così non si possono ulteriormente attorcigliare. ♥️

26 commenti su “Buona sera…

      • Non volevo infierire… Infatti i loro cannoncini sono unici in assoluto

      • Da bambina, a Genova, abitavo davanti alla fabbrica. Gli operai ci regalavano qualche volta dei biscotti mal riusciti, ma buonissimi, e ancora caldi di forno. Una meraviglia

      • E penso proprio che questi tempi non ci siano più perché ormai qui nessuno regala più niente. Che bella questa cosa un po’ come da me la signora Bambina, o meglio la sciura Bambina (si chiamava proprio così) la mattina presto avendo una panetteria… quando mi vedeva andare a scuola il più delle volte mi regalava una piccola “cremonese” calda che mangiavo per strada. oggi questi gesti semplici e pieni di cuore non ci sono più….

      • Lo confermo, gli omaggi erano più che altro i biscotti del Lagaccio. Io li compro ancora, e oggi trovo nei sacchetti proprio gli stessi mal tagliati che una volta venivano scartati.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: