“Our Man in the Field” in The Company of Strangers

Visto che ha ripreso a piovere a dirotto nel tardo pomeriggio vi lascio due cose molto molto soft… Il cielo di questa mattina in città, e un album del cantante Alexander Ellis,

Ellis è un musicista inglese al suo primo album fatto però “in compagnia” di alcuni musicisti incontrati durante i suoi live e i suoi pellegrinaggi da un locale inglese all’altro. Il titolo dell’album infatti non è stato scelto a caso: The Company of Strangers uscito il 25 settembre con lo pseudonimo Our Man in the Field 🤗

Questo suo album è una finestra spalancata al soft Country . Un album che sprigiona pathos, fra falsetti e arpeggi. La presenza dell’armonica cromatica fa da contrappunto alla voce in modo molto languido, mentre la chitarra l’acustica presenzia senza mai stancarsi . Anche il contrabbasso la batteria e il banjo la fanno da padroni ma come invitati di rilievo. Un album in se melodico, gentile e delicato, che sfocia a volte in un’altalena di ritmi ed allegria, rendendo nell insieme talmente piacevole l’ascolto da appuntare proprio quando arriviamo a goderci quei momenti conviviali amichevoli.

A domani!

Domenica 5 ottobre 2020

2 commenti su ““Our Man in the Field” in The Company of Strangers

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: