Fase 3 : “ cosa ho fatto”

Sì sono finalmente aperte le frontiere regionali e io da qui ho chiesto al mio amico, nonché il custode fedele in Sicilia, Giuseppe… di mandarmi una foto del piccolo mondo che tengo lì al mare. Anche solo uno scorcio niente di più tanto per confermare che potevo finalmente sentirmi “libera” di muovermi verso quella terra che conserva le mie radici. E finalmente… a casa.

È vero, è davvero uno scorcio… non ha osato oltre per ora Giuseppe. Quello che so, perché lo vedo, é che della fila di oleandri, che stavano in un muro di confine, ne è rimasto vivo solo uno, e lo accetto di mala voglia. Si sa, dopo tantissimo tempo, tra un po’ quasi due anni che non siamo più andati, anche per la morte di papa, e poi il virus che ha davvero contribuito a rincarare la dose sulla mia casa…. Nemmeno Giuseppe si è più potuto muovere con il lookdown E in più, non dimentico quella maledetta esondazione del 3 novembre 2018 che ci ha spaccato a tutti in due il cuore, facendone di mio padre alla fine un malato cronico della sua anima. E la leucemia improvvisa lo ha stroncato talmente velocemente che è stato impossibile per lui poter andare giù per riabitare la sua casa, per cercare di sistemare i danni come avrebbe dovuto è voluto fare lui personalmente.

Mi consolo, pensando che “è già qualcosa, almeno il suo cancello è ancora in piedi. “

E chi lo butta giù quello, neanche un fiume in piena c’è riuscito. Nemmeno il mare di fango e detriti ha avuto la meglio. Le mani di mio padre sono sempre state d’oro e continueranno ad esserlo nel tempo… “Grazie papà, c’è dentro tutto il tuo sudore, tutta la tua fatica e tutta la tua forza, il tuo amore in quel cancello. ” E così giuro che lo sarà, fino alla fine del tempo, quantomeno del mio tempo, se Dio vorrà concedermi di vivere abbastanza a lungo, da tenere tutto in piedi.

Ho scaricato

l’app:“immuni”…

L’ho scaricata perché mi sembra giusto e corretto, soprattutto per avere una mia di coscienza oltre la consapevolezza di quello che davvero abbiamo intorno e che non conosciamo. Nessuno saprà mai nulla di nessuno. Ci credo. Ci credo perché io credo nella serietà del sistema, credo nello Stato, perché se davvero lo stato siamo noi… sta diffidenza deve avere uno scopo costruttivo e non distruttivo.

Ma è giusto, soprattutto in Lombardia, da me , che si abbia la possibilità di avere una traccia di quello che veramente oggi abbiamo intorno.

Non possiamo permetterci di cadere di nuovo nel baratro del virus… e non solo in Lombardia.

Ci si aggiorna per i saluti della buona notte e tempo permettendo perché sta arrivando un acquazzone, vado a spasso con il mio peloso preferito, unico del resto.👍

11 commenti su “Fase 3 : “ cosa ho fatto”

    • Ed è così lontana in questo momento per noi… Francamente non so quando potremmo andarci mamma ormai è troppo anziana per viaggi così pesanti nonostante ci siano gli aerei lo so. Speriamo bene … grazie massi a domani

  1. La scaricherò anch’io anche se qui ancora non è operativa 🙂

    • Credo sia un dovere farlo. Ho dovuto prima aggiornare il sistema operativo per via delle nuove regole privacy. Poi mi ha dato l’autorizzazione a procedere.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: