Tenero peloso compagno di vita…

Le porte qui da me sono sempre aperte. Qui si esce, si va sul ballatoio in pietra, ci si accuccia fra due vasi, ma immancabilmente torni, torni a rifugiarti sotto il nostro tavolo, in sicurezza e… sonnecchi in allerta come un gatto furbo. Hai sempre paura del vento che c’è intorno. Se si muove una tenda fuggi senza un ripensamento. Ti alzi di scatto e scappi, da quei fantasmi rumorosi che continuano a far parte di te. Tu non dimentichi, non dimentichi le orribili esperienze del canile. Non dimentichi il soffiare minaccioso del vento fra i fori delle gabbie, e seppure ti abbia preso in braccio e portato via, non ho fatto in tempo. Io ancora non trovo un modo per rassicurarti.

6 pensieri su “Tenero peloso compagno di vita…

    1. Hai ragione, non riesce davvero a togliersi dalla mente quel ricordo, però ha trovato me e forse glielo rendo un po’ più accettabili, perché lo rincorro e lo coccolo😬😬😬😬

    1. Sono passati quasi sette anni e mezzo e ancora non riesce a calmarsi quando c’è il vento, anche il minimo movimento creato dal vento lo manda letteralmente in crisi

I commenti sono chiusi.