Prossima al risveglio …

A volte si fa fatica a staccarsi da un posto ma si deve fare…

Domani busserà alla porta un nuovo giorno e spero di essere preparata per affrontarlo.

In realtà, ogni giorno da questa quarantena in poi è sempre stato da reinventare per me.

Ma è adesso col 4 maggio alle porte, che davvero dovrò entrare nei panni di una “vita” da reinventare. Era ancora inverno e mi hanno rinchiusa con regole e comportamenti restrittivi a casa e adesso, è già primavera avanzata, e quasi mi sento catapultata in una nuova dimensione e in un nuovo sistema solare. Un mondo diverso di cui dovrò abbracciare gli usi e i costumi che non mi sono per niente famigliari. Ho come il sospetto di essere stata ibernata, messa in una astronave e tenuta in orbita per anni e anni, in viaggio verso un nuovo pianeta, verso una nuova forma del vivere, perché il mio precedente mondo era giunto all’ implosione.

Forse questa vita davanti sarà anche peggiore della precedente, ma qualunque cosa possa essere, devo impegnarmi al meglio, devo imparare tutto da capo, un “a capo” molto, molto… vicino all’incredulo.

Pensieri attorcigliati, un po’ annodati stretti, che sconfinano un po’ nella paura dell’ignoto e dell’invisibile nemico . Pensieri, punto.

A domani .