Come un vaso di Pandora pieno di dolore e miseria (post atipico)

Uff, che giornata fuori dalle righe. WordPress mi fa giocare a mosca cieca, e da quel che ho visto anche voi …

Io perdo commenti? No, devo andare a cercarmeli proprio! E ancora lì cerco. Sono ferma a rispondere in un commento ultra mega chilometrico di Emoticonblu che ancora mi stupisce per quanto sia stata… generosa con le parole ! Lei così … così… sintetica nelle sue elucubrazioni, ma di un chiaro, concetto logico comprensibile, che mi devo riprendere dallo shock emo…tivo… che mi ha provocato per tante parole lasciatemi qui! “Adorabile creatura come ti invidio… io così logorroica inguaribile! “😇

L’atipico inizia da qui.

Ho un umore un po’ strano… noir e blues al tempo stesso. Però è candido. Una strana contraddizione dite? Ma io sono la contraddizione fatta persona, quindi di strano non c’è niente . 🤣

Penso che per certi stati d’animo così altalenanti atipici non potrei mai fare a meno di Mark Lanegan. Già lo amo per le sue molteplici caratteristiche dark esistenziali. Figurati adesso che ha pure scritto un’autobiografia sui 20 anni della sua vita. “Sing Backwards and Weep “

Non cercatelo. Non è ancora disponibile da noi . Maggio ! Qualcuno anticipa… “Crudo, devastante, personale, lapidario”… e prosegue “Un viaggio ipnotico nel lato oscuro che in alcuni punti è così gloriosamente tetro che raggiunge una specie di commedia di Grand Guignol. Scritto nel sangue, con vera intensità,“…

Sono innamorata di Mark da quando per la prima volta l’ho ascoltato. Sono innamorata di personalità e vissuti simili.

Forse perché Mark rappresenta quel lato musicale perverso e ombroso di me fatto di inquietudini, di rimpianti, di fallimenti, di quei dolori pieni di un autolesionismo incontrollabile. So di essere spesso come la ragionevolezza candida, ma contaminata dalla rabbia frustrante. Egoisticamente mi va bene anche così. “Non mi reggi? Vattene!” Poi mi flagello in solitudine, “ma non mi reggi? All’ora vattene e sparisci”. “Magari torno io strisciando e mi mandi a fan culo eterno ma vattene comunque per adesso e basta”. Lo chiamo, questo mio modo di fare “Roulette Russa sentimentale”. Per questo alla fine resto sempre … sola. So già che il “proiettile” è destinato a me. Cerco di redimermi, di non rischiare la sorte, ma è una fase sempre a singhiozzo. Devo crescere? No… devo rinascere in una nuova vita futura. Questa è così.

Ricordo spesso che non ero così un tempo… avevo il sole in faccia… ero diversa in tutto. Serena, serena… già

Un’ amica un giorno lontano, lontanissimo, mi disse che aveva avuto la sfortuna di incontrare il nero e che avevo fatto a botte con lui. Avevo vinto sul nero, perché lo avevo ripulito… ma non mi ero accorta che di quel nero mi ero vestita io.

Dopo anni è ancora difficile da lavare di dosso. Duro come la pece… e le unghie non ricrescono mai abbastanza per grattarlo via da me. Ho incontrato un untore di sentimenti neri… lui è guarito, grazie a me. Io non ho avuto la stessa sorte. Per guarire dovrei ungere a mia volta qualcun’altro, funziona così ma io non voglio. La solitudine è il prezzo che pago per essere stata generosa, senza freni per tirare fuori da quel nero, quello che di buono vedevo dentro di lui.

Torniamo al mio amato Mark Lanegan…

Tutta la play vi lascio del suo nuovo album solista “Straight Songs Of Sorrow”, l’uscita è prevista per l’08 maggio ma in rete, nel suo canale personale c’è già. Mi sa che il virus ha anticipato anche questo evento. 🤣

stasera… è come se avessi bisogno di tornare indietro nel tempo… in cerca di quella pace che non rammento più.

La play è subito dopo questo brano “Stockholm City Blues”

che assolutissimamente vi chiedo di farmi contenta e … ascoltare… no, “sentire” di pancia e di ventre di tutto quel che si muove e che si contorce. 🖤 un brano che non trova una luce … per uscire dall’abisso in cui si trova. Non esce… è inquieta .., nella sua apparente calma … sensazione quasi di claustrofobia… ipnotica

A dopo… vado a cercare i commenti …😊

15 commenti su “Come un vaso di Pandora pieno di dolore e miseria (post atipico)

  1. In realtà intendevo proprio dire che per trasmettere qualcosa di forte non servono migliaia di note o chissà quali invenzioni tecniche particolari, basta il dono della semplicità, che però non tutti hanno. Lanegan lo ha.
    Buonanotte 🙂

    • Diciamo che la semplicità di Lanegan è il frutto di una complicata corroborante inquietudine interiore … buona notte a te e come sempre grazie. Notte J.

  2. Ci sono canzoni complicate, elaborate, studiate per sorprendere… e poi ci sono canzoni così, alle quali basta un solo semplicissimo arpeggio di chitarra, qualche richiamo di violino in sottofondo e una voce distratta. Fare magia non è così difficile.
    Grazie.

    • Il mio modo di “osservare” la musica non mi mette dalla parte di concepire la tecnica del come viene concepita. La mia osservazione è legata a quello che mi trasmette, vivo, subisco, e mi coinvolge… reputo la musica … non magica … ma piuttosto un respiro di vita. Per farti capire meglio .. il brano che ho messo come singolo… “Stockholm City Blues” può risultare e non hai torto … esattamente anche come hai descritto tu.
      Lascia la tecnica da parte se puoi e guarda dentro il sound che muove l’aria, la voce che l’accarezza pacata, il timbro vocale che la disegna con immagini che un po’ per la loro continua insistenza ti ipnotizzano e non ti lasciano una via per sfogare …ciò che ti bolle dentro. Infatti ho detto con fare molto soggettivo che “è come se non riuscisse a vedere una luce per uscire dall’abisso in cui si trova. La ripetibilità dello stesso suono che non sfocia praticamente mai in un tempo musicale diverso … alla fine diventa snervante… claustrofobico, carcerario. Adoro Mark perché è un demone inquieto che non conosce tregua e su questo musicalmente ci gioca parecchio. I suoi concerti live sono quasi al buio con giochi di luci blu e rossi. 🤗 ecco come parlo io di musica J. Spero ti sia rivelato interessante. 👍 e Grazie per la tua attenzione.

    • Ti ringrazio. È stata davvero una strana giornata. È come quando qualcosa spinge dal cuore alla gola e non è aritmia cardiaca… è qualcosa di non risolto, di “in sospeso ” che ogni tanto si fa sentire e mi ricorda che sta lì … 🙏 Eva.

  3. Ho pre-ordinato il vinile di Lanegan. Vorrei ascoltarlo online ma preferisco attendere e godermi il supporto fisico

    • Sera a te! Ho fatto lo stesso e sto cercando di capire per il libro … c’era un appuntamento a Bologna ma è saltato tutto per via del virus. Troppo famelica di Mark ammetto di averlo prenotato su ITunes… mi arriva col contagocce un brano ogni tanto. E stasera scopro sul canale YouTube ufficiale suo che lo ha postato tutto. Tutti i 15 brani con i tre bonus… si deve essere… ammorbidito con l’età! 😬

      • Infinitamente grazie! Mi hai fatto un regalo e … ammetto che di lui ho tutto. Quando è stato all’Alcatraz ero in prima fila sempre ma avere di lui qualcosa che lui ha deciso di dare lo rende ancora più… più… per come è fatto mi .. si sta invecchiando ! È troppo generoso e la visa mi puzza! ( moltissimo) !!! 😊 alla prossima. 👍

  4. Bellissimo post ascolterò di pancia Persy

  5. Buona ricerca e buona serata 🙂

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: