L’angolo della nostalgia…

Nostalgia per modo di dire.

Era un lontano fine settembre 1991…

Non l’ho mai detto a nessuno sapete?

Erano già passati due anni dal mio matrimonio, e avevo un figlio molto piccolo, di un anno e mezzo appena, insieme a tante ma tante insoddisfazioni personali. Quella più “TOSTA” era la mia irrefrenabile crisi di gelosia nei confronti di una certa Ornella, ex mia compagna di medie, e pure infiltrata impiegata da prima che ci sposassimo, nello studio del mio, allora marito. Talmente stronza e brutta che abitando a tre portoni da noi tutte le sere si faceva portare a casa in auto dal mio fedele marito, (la portava, forse per una forma di pura cortesia… e perché purtroppo non sa dire dalla nascita un”no”). Beh, io ci vedevo sempre il marcio tanto da stare alla finestra ogni sera appostata, per vederlo passare in auto in “compagnia” e dal primo piano la vedevo pure seduta al mio posto!! Se ci penso oggi … mi do della scema, crudele patentata! Sarà che mi sentivo frustrata, e impedita a “controllarli” , diffidente quale ero su quei due, perché stazionavo a casa col pargolo piccolo. Sarà che mi vergognavo anche ad andare in studio per non far capire che ero la tipica moglie gelosa e sarà pure che io ero così giovane e senza un minimo di senno che alla fine mi costruivo da sola voli pindarici su presunti tradimenti e relazioni extra! Che litigate inutili ogni santa sera. Povero uomo … La mente è strana… il padre di mio figlio non aveva occhi che per me seppur mi sentissi grassa e orrenda e… io per ripagarlo lo visualizzavo nelle braccia di un’altra, e non le mie. Come è andata a finire? L’ho fatta licenziare . Quanto sono stata bastarda. Ho piantato la croce addosso ad una povera crista che non centrava nulla … e posto un masso sulle spalle del mio povero marito stressato da me. Ammetto però di non essermi mai sentita in colpa per lei, perché fin dai tempi della scuola mi stava sulle palle. Deplorevole… mi sono atteggiata a bulla pure io, in quel tempo, ma ero letteralmente fuori di testa.

Per puro caso in radio iniziavano a circolare dei brani di un album uscito da poco, dei Primal Scream. Mi è partito l’embolo!

Ascoltarli, da un lato significava alimentare la mia ebbra irrazionale, ma dall’altro, (guarda un po’ )’, riuscivano a calmare il mio animo omicida, distraendomi dalle immagini distorte sul mio matrimonio e la relazione presunta che mi ero creata .In realtà iniziavo a capire che c’era di peggio nel mondo. LSD e metanfetamine erano intorno, fagocitando giovani curiosi cazzo! Io ero la madre di un bimbo che sarebbe cresciuto, in un mondo pieno di ulteriori tentazioni e pericoli, in aggiunta a quelli già esistenti…. altro che l’Ornella e le mie paranoie! Mi sono “delete” , o come qualcuno oggi, osa usare con leggerezza … “formattata” ! Si, mi sono auto imposta la “formattazione del cervello”!

Ancora oggi, quando mi inoltro in un terreno simile a quello di tanti anni fa, da me vissuto, quando vado in paranoia per qualsiasi situazione che non capisco e che amplifico pure… io riesumo i Primal Scream e soprattutto quell”album che vi ho postato e che ho di fortuna materialmente da quasi 3 anni . Me lo sparo a manetta per casa e, Funziona. Mi riprendo nuovamente e vado alla grande !!🤗

Il tempo è galantuomo si sa, ma i Primal Scream con “Screamadelica” sono un sistema musicale taumaturgico, molto valido e attualissimo !!

Questo. album poi…

😎