L’angolo della nostalgia…

The Ragpicker’s Dream

(Il sogno dello straccivendolo) è il terzo album della carriera solista di Mark Knopfler (Dire Straits) uscito nel 2002.

Ho estrapolato un brano che ho amato da subito!

Coyote” 🧡

Il Testo è sublime e veritiero e ve lo metto tradotto.

“Guardami, coyote

Non lasciarti impressionare da un po’ di polvere di strada

Non si puo’ giudicare un libro…

Beh, lo sai gia’

C’è uno strappo nella mia tappezzeria

Ed un buco nella mia scarpa

Ma non muori dalla voglia di essere

Veloce almeno la metà di quanto lo sono io?

Veloce quanto me, veloce quanto me, veloce quanto me

Non riuscirai a prendermi, coyote

Sebbene possa esserci del sangue sulle rotaie

Può darsi che ci siano dei ponti in fiamme (“burn bridges” significa anche

prendere una decisione irrevocabile)

Dietro le nostre spalle

Ma c’e il mio bucato sul sedile posteriore

E anche un itinerario

E non muori dalla voglia di essere

Veloce almeno la metà di quanto lo sono io?

Veloce quanto me, veloce quanto me, veloce quanto me

Ora sono un puntino sul tuo orizzonte

Che scompare velocemente

Una tua imboscata non mi sorprenderebbe

Ma spero che sarà migliore dell’ultima

Di nuovo il roadrunner (pennuto del deserto degli USA conosciuto come il

“corridore della strada”)

Lascia il coyote nella polvere

Ha un’altro piano di azione

Ma noi tutti sappiamo che non funzionerà mai

Deve essere duro avere sogni da cani

Che non si avverano mai

E non muori dalla voglia di essere

Veloce almeno la metà di quanto lo sono io?

Veloce quanto me, veloce quanto me, veloce quanto me.”

🧡🧡🧡

Dal punto di vista del testo, Coyote è una canzone non troppo impegnativa, ma con un messaggio profondo. La canzone è venuta in mente a Mark dai cartoni animati che vedeva in televisione di Wile E. Coyote con i figli piccoli, o Roadrunner (Willi Coyote e Bip Bip). Ciò che l’autore nota sempre con più interesse, è proprio l’instancabile volontà del povero e sfortunato Coyote di continuare ad inseguire il suo acerrimo avversario, nonostante gli incidentie i guai a non finire. Un pò come nella vita non è vero? Anche noi quando guardiamo questo meraviglioso cartone spesso ci domandiamo ” ma come fa a non arrendersi?”

Se ci avete fatto caso nel testo è Bip Bip, che pensa e parla proprio col Coyote e la cosa divertente é che tutta la sua simpatia va proprio al Coyote.

Mark Knopfler in un intervista dopo l’uscita dell’album, disse di quella canzone in modo molto semplice cosa ne pensasse del Coyote e come tale ve la riporto.

Non sò cosa ne sarà di lui ma non smette mai di provarci. E’ un atteggiamento così umano. Mi affascina quell’instancabile forza che spinge a ritentare sempre, a rimettersi continuamente in gioco… ma seppure si tratta di un tema leggero, non fatevi trarre in inganno”

Mark non rinuncia a farci notare di “riflettere” e non con fare superficiale, ma attento e scrupoloso . Il cuore della canzone è tutto in due semplici belle, seppur tristi frasi …

“Deve essere dura

avere sogni da cani

Che non si realizzano

mai.” 😞

👋