Ritornare alla realtà

Sarà anche stato esilarante e costruttivo viaggiare con la scopa magica, entrare a fatica in comignoli di latta e lucernari troppo stretti per elargire gli ultimi regali delle feste ma…è tempo di fermarmi. Ed è meglio scendere sulla terra posando ben bene i piedi per terra per ammirare con occhi limpidi il nuovo giorno. Befana capo… ti ringrazio ma, se proprio devo, ne riparleremo nel 2021 se il ciel m’assiste!

È l’ultima giornata di cinepanettoni natalizi , l’ultima da tavola imbandita, l’ultima da alberi pieni di luci scintillanti… di strenne natalizie e luminarie incantate. Da domani inizia davvero un giorno nuovo e tutto da vivere guadando avanti. E mi auguro sia un anno clemente, un anno un po’ più baciato dalla buona sorte. Vi auguro una buona epifania, non strigliate troppo i Re Magi che non l’hanno fatto apposta se i loro doni son stati più scarsi del solito. Fra tasse e pedaggi vari, metà se li son lasciati alle spalle, e mogi mogi se ne andranno a testa bassa. Zucchero filato nero, lo adoro tanto e conosco un posticino in centro, dove lo fanno come una volta: con calma, tanto amore e un pizzico di sana pazienza. Vado! 🧡

Musica… sempre! Ahhhh questa non ve la risparmio proprio! Si chiude in bellezza! 🤗

Attenzione!

Joy to the World è un celebre  canto natalizio tradizionale composto nel 1719da Isaac Watts di inni inglesi che riadattò un Salmo su Re Davide (Salmo  97 e 98). La melodia è basata sul “Messia” del compositore tedesco  Georg Friedrich Händel poi arrangiata  nel 1836 da Lowell Mason. Mica robetta da poco eh! E Sufjan Stevens la va rivivere nella sua superba e indiscutibile maniera… 🧡

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: