Incontrarsi e…

Abbracciare un vecchio amico, e ballare insieme, noncuranti degli sguardi un po’ stizzosi degli altri. Accorgerci che l’affetto non è mutato, nonostante il tempo fra noi sia passato.

“E se ho tentennato osservandoti venirmi incontro con un nuovo look, che mai avrei immaginato potessi indossare, il tuo profumo amico mio, si… il tuo “profumo”, non è cambiato. ”

Ciao Eddie 🧡

Potevo non darvi notizia di una mia gioia 🙂?

I Chakra del mio cuore…

Credo di aver dato quanto sono stata capace di dare, senza pretese o aspettative. Semplicemente mi sono sentita di lasciare qui qualcosa di me, del mio aver vissuto, e del mio vivere . Oltre alla Musica, che naturalmente amo. E solo della Musica se volete, cercate di farne un piccolo tesoro. È tardi… vado🧡

Una storia importante, storia d’amore, storia di guerra.

il 29 novembre 1864, alcune truppe della milizia del Colorado, comandate dal colonnello John Chivington, attaccarono un villaggio di Cheyenne e Arapaho situato vicino al fiume Big Sandy Creek, massacrando molte donne e bambini;

De André mette in musica la storia con un linguaggio innocente e quasi surreale come se a raccontare fosse un bambino, sopravvissuto al massacro , che crede che tutto ciò che ha visto, in realtà sia stato soltanto un sogno…

A domani


Attenzione!

Vi consiglio l’ascolto anche nella versione di Massimo Bubola💖

Cambio vita, zona, testa.

Mi si è chiusa… si proprio chiusa, tempo fa, una porta di fattura antica, e ho sofferto, come può soffrire un umano quando perde una vita cara, restando alla mercé dei ricordi. Ma oggi dopo un lungo girovagare, io posseggo le chiavi di questo portone bello e imponente. Dietro questo portone, c’è la nuova casa del mio cuore. Ancora qualche giorno per dipingere le pareti della stanza da giorno, sistemare qualche oggetto che porto dietro, con orgoglio e serenità e sarò finalmente pronta per aprire . Se qualche anno fa me lo avessero detto… da scettica e beffarda quale ero avrei risposto … ” ma tu sei tutto fuori!!!”🤗

Voglia di comunicare…

Il mondo cambia, cambiano le cose intorno, cambio anche io, e cambia perfino chi si è prefissato essere unico detentore della verità.

Ora non chiedetemi perché ogni tanto tiro fuori sparate simili, perché nemmeno io sono in grado di capirci qualcosa di me.

Mi si attorcigliano pensieri, mi si squilibrano parole, creo attimi che non hanno un senso nemmeno con le virgole al punto giusto. Ma li creo nella mia testa, e non posso fare altro se non buttarli giù, a discapito degli incauti che le affrontano a denti stretti e pugni chiusi.

Va così. Un po’ si, un po’ no.

Un po’ sulle alte vette, un po’ giù nel precipizio.

Un po’ col sorriso, un po’ col grugno.

Un po’ con l’aria piena di fierezza, un po’ col fare da vigliacca.

O con quella ferocia ardente, a svantaggio di quel briciolo d’umanità presente che ancora per poco mi preservo.

Amen. Vado!