“Charlie e la fabbrica di cioccolato”.

La Cattedrale della Fabbrica del Vapore di Milano è , dall’ 8 novembre, l’unica sede italiana a ospitare il musical, “Charlie e la fabbrica di cioccolato”.
I biglietti sono disponibili in prevendita su TicketOne.it e per 29 euro vi garantisco che passerete due ore tra il ridere e il piangere come non mai!(noi ci siamo andati).

Sono anche disponibili e nei punti vendita e nelle prevendite abituali.
Lo spettacolo è prodotto anche con l’ausilio del Comune di Milano e sarà in scena per tutta la stagione 2019/2020 .

🤗🤗🤗🤗🤗🤗🤗🤗🤗🤗🤗🤗

A N D A T E C I !!!!

Elucubrazioni annodate dal vagone gelido

E mentre il regionale mi riporta a casa, sto avvolta stretta nel mio montgomeri vintage, cappello e sciarpa ben affondati, perché il freddo che provo nel vagone è più insopportabile dell’attesa fatta alla stazione. Sarà, ma la neve è tanto fredda al tatto lo so ma quanto invece riesce ad avvolgerti e tenerti al caldo comunque, rimane per me un mistero. Sto vagone invece è una cella frigorifera!

Ho superato Erba e tra un po’ lascerò dietro le mie spalle le montagne spolverate di bianco.

Ascolto musica, come sempre, privandomi volutamente dei brusii della poca gente all’interno del vagone. Poche persone, soprattutto anziani, qualche straniero e due dipendenti della Nord. Nel dondolare sul treno mi vengono incontro pensieri strani. Penso alle occasioni mancate, ai momenti in cui avrei potuto e ho invece rinunciato. Penso ad un viaggio a Parigi mai fatto e penso al Natale che sta arrivando. Penso… penso…

Ma… Quando la pianterò di pensare… mi dico come se mi volessi scrollare di dosso ogni responsabilità del farlo! Quando la smetterò davvero, provando magari a sognare un po’ ?

Vi lascio così, ho le dita gelate, e non le sento più. Vi lascio col treno prossimo ad una nuova fermata, promettendomi però di contare quanta gente sale e scende, tanto per allontanare i pensieri.

Buona serata a voi🧡.

E…sia folk… “pitchtorch” 👍

Me ne vado incontro al mio avventuroso viaggio musicale

Ci vuole poco per rubarmi un sorriso. Suoni sconfinati dal tempo, e voglia di osare.

“Un diapason, una torcia che emana suoni radiosi. Questo è raffigurato nel logo di Pitchtorch, realizzato da Nazario Graziano. Pitchtorch è il nuovo progetto che unisce per la prima volta tre musicisti dalle storie rilevanti e differenti alle spalle: il chitarrista, compositore e session player Mario Evangelista (già con The Gutbuckets e altre formazioni, oltre che autore di musiche per cortometraggi e pubblicità ed ex giornalista musicale), il bassista e contrabbassista Danilo Gallo (all’attivo anche con i Guano Padano, in compagnia di Alessandro “Asso” Stefana e Zeno De Rossi) e il batterista Marco Biagiotti (nelle fila del quartetto indie psych-pop The Vickers).

“Stralcio preso dal loro sito web. http://www.pitchtorch.com/

Tutto l’album…