Á Papà, è Dumínica…

Ci sono momenti in cui chiudo gli occhi per immergermi nella memoria di mio padre. Un uomo tutto d’un pezzo, integro nella sua moralità, nel suo rispetto per il prossimo, nel suo rigore, nel suo pudore…

Perdere “il mio uomo perfetto”… ed esserne ancora arrabbiata, ancora delusa…

Io l’ho amato e lo amerò sempre. Continuerò a dargli luce finché la vita me lo permetterà, e quando la nostalgia la farà da padrona, attingerò dai miei cassetti della “memoria del cuore” fatta di momenti, di sorrisi, di gesti, di abbracci che mi hanno e mi renderanno sempre orgogliosa di avere avuto un “grande Papà”.

Dalla memoria dei miei cassetti…

Dumínica jurnata di sciroccu
fora nan si po stari
ppì fari ‘n pocu ‘i friscu
mettu a finestra a vanidduzza
e mi vaiu a ripusari
A stissa aria ccà sò putenza strogghi i mò pinzeri,
U cori vola se all’ummra pigghi forma e ti prisenti
nan pozzu ripusari
U suli ora trasi rintr’o mari
e fannu l’amuri
‘un c’è cosa chiù granni
tu sì la vera surgenti
chi sazia i sintimenti
A stissa aria ccà sò calura crisci e mi turmenta
U cori vola sintennu sbrizzi d’acqua di funtana
nnò mò jardineddu
mi piaci stari sula
A stissa aria ccà sò calura crisci e mi turmenta
U cori vola sintennu sbrizzi d’acqua di funtana
ntò mò jardineddu
mi piaci stari sulu
mi piaci stari sula