L’ Oblio

Eppure riuscivi a rubarmi un sorriso,

o un moto di stizza mal sopportato.

Ignaro di tutto, io cantavo

urlavo, perdendo la voce.

Mi nascondevo dietro uno spigolo

ma sognavo comunque.

Le assenze sono presenza tangibili per me.

C’è stato, e poi c’è, e ci sarà comunque,

quel piccolo punto nel cielo, legato all’infinito.