Rosa Antico

Antico“, perché è qualcosa di pregiato e di prezioso. Di fragile, da tenere con cura e con amore, da riporre con cura, nel cuore, nel cassetto, preservare e conservare.

Tristi, quei poveri di cuore che non arrivano al di là di quel che può essere un pensiero puro, pulito.

Ho capito sulla mia pelle che le persone che travisano la parola Antico, in realtà sono persone pretestuose con il solo scopo di fare del male a titolo gratuito.

Queste Rose Antico, che ho raccolto ieri dal mio vaso sul terrazzo, sono preziosissime per me per ogni anno che tornano a farsi ammirare.

Andrea, si chiama così la pianta da cui provengono. Andrea, mi compro quella pianta una primavera a Desenzano quando stavamo insieme. È un uomo che ho amato tanti anni fa, che ho amato molto, ma nonostante siano ormai passati più di 10 anni, ancora lui è presente come buon amico e consigliere nella mia vita. Il nostro è stato comunque un amore sano, anche se è finito. Succede.

Ha una bella moglie da un anno a questa parte, Lyn, e sono entusiasta per loro perché insieme stanno davvero bene.

Certi amori come il nostro, alla fine non finiscono. Si trasformano in qualcosa di più grande. In Amicizia.

Antico… una parola che sa di eterno affetto,e ricordo sempre rinnovato.

Le “nostre” rose dal profumo di confetto, hanno una colonna sonora importante, ad ogni fioritura. Quest’anno è…

Ciao Andrea, ciao Lyn! A presto.❣️

”Cerco un nome”. Non sto nei social ragazzi. mi aiutate a farlo girare? Grazie.

Lui non ha un nome ma ha un guinzaglio nuovo. Lo abbiamo trovato legato ad una colonnina di segnalazione di fermate del tram in zona Garibaldi/Isola. Quello che abbiamo sperato portandolo dal primo veterinario vicino è stato vano. Purtroppo non è microchippato. Siamo stati costretti ad andare dai Vigili di zona. Con il nostro cagnone poco d’accordo. Il comando è quello di Piazza XXV Aprile a Milano. Sappiamo di aver fatto la cosa più giusta io e mio figlio piuttosto che rammaricarci e andare avanti lasciandolo legato a quella colonnina, e molti lo fanno. Noi no. Purtroppo situazioni simili sono all’ordine del giorno. Abbiamo aspettato che venissero a prenderlo in carico l’associazione della Regione Lombardia.

È un cucciolo di nemmeno 3/4 mesiQuindi gli abbandoni per questo scricciolo sono due adesso. Il o i bastardi che lo hanno lasciato legato e noi in buona fede perché non abbiamo scelta avendo già Scirek con problematiche serie di salute. Non possiamo davvero, il nostro cagnone è emotivamente incontrollabile per le sue continue patologie. Ci date una mano per un lieto fine?

È un maschietto, non ha un nome ma ha bisogno di qualcuno che non lo abbandoni più. Credeteci… abbiamo il cuore gonfio perché ci sembra assurdo tutto.

ho attivato tutti i pulsanti possibili in questo portale per i reblog e le condivisioni nei social. Aiutateci.

grazie.