Spensierata contraddittoria bellezza

1981

💫

Penso proprio che faccia un gran bene alla sottoscritta, toccare corde musicali di un passato…

che rammenta quel mio contrastante modus vivendi, per via del color blu cobalto dei miei capelli, allora, gli occhi verdi e la pelle dal riflesso perlaceo cadaverico. Guai a toccare gli anfibi! Quelli erano stra consumati e di un nero così corvino che spesso per affezione, restavano rigorosamente ancorati ai miei piedi non so per quante ore… Se ci aggiungiamo il chiodo originalissimo con con zip sul fronte e bavero a punta… credetemi, rifarei tutto! TUTTO.

I miei anni 80 son stati gli anni delle rivelazioni sensoriali, del sesso tutt’altro che moderato, delle sigarette fatte a mano e dai pacchetti rubati a papà, della metal-dark battezzata con la musica a palla, ma soprattutto, delle ragioni poco convincenti agli occhi dei miei genitori, sulla mia presunta folle ribellione, e dirompente alienazione scolastica,per lo stile di vita e l’abbigliamento. Non sono stata un modello di virtù e di dover cristiano per cui andar fiera, a detta di qualcuno. Chissefrega!

Eppure, questo brano sopra messo, “Private Eyes” in netto contrasto col mio essere stata… ora che ci penso, mi scorre ancora nelle vene, come fosse argento vivo! Che strana contaminazione…

Chissà , forse ignara già mi nutrivo spensierata di pane e Musica davvero, ma… manco lo capivo. 😊

Ascoltate la versione live del 2014 sempre dei Daryl Hall & John Oates a Dublino esattamente 36 anni dopo. Il tempo è davvero solo pura e semplice percezione per chi vuole crederci, come me.

💫

Ti vedo, mi vedi

Guardarti sconfinare quando stai facendo una scenata

Oh ragazza, tu lo sai cosa la mia testa trascura

I sensi mostreranno al mio cuore

Quando ci sta guardando mentire non puoi sfuggirmi

Occhi privati, loro ti stanno guardando

Loro ogni tuo movimento

Occhi privati, loro ti stanno guardando

Occhi privati, loro ti stanno guardando, guardando, guardando

Giochi con le parole, giochi con la fortuna

Puoi girarci intorno, ne ho avuto abbastanza perché ragazza

Devo sapere se mi stai lasciando entrare o mi stai lasciando andare

Non mentire quando stai soffrendo dentro

Perché non puoi sfuggirmi

Occhi privati, loro ti stanno guardando

Loro ogni tuo movimento

Occhi privati, loro ti stanno guardando

Occhi privati, loro ti stanno guardando, guardando, guardando

Occhi privati, loro ti stanno guardando

Loro ogni tuo movimento

Occhi privati, loro ti stanno guardando

Occhi privati, loro ti stanno guardando, guardando, guardando

10 pensieri su “Spensierata contraddittoria bellezza

    1. Ma eravamo mezzi sani almeno. Oggi vedi un po’ … 😔 e poi mica avevamo tutti sti gingilli brucia cervello. Al massimo il gettone del telefono e la gioia di non esser rintracciati se facevamo tardi! Io avevo mamma in camicia da notte davanti la porta al primo piano con la faccia da “mó ti legno!!” Solo perché non facevo a volte come Cinderelle! E per soli 5 minuti di ritardooooo!!!!🤭😂😂😂😂

  1. Io mi stupisco sempre quando sento una canzone vecchia e riemergono ricordi del passato che pensavo persi. Ci sto a rimestare anche delle ore!!! 😘 😘 😘 😘 😘

  2. Molto bella, grazie. Abbiamo condiviso un’epoca, anche se io ero un po’ più … diciamo provinciale? 😉

    1. Provinciale…. anche la provincialità ha il suo fascino e poi… non è che viver in città ci renda… cittadini…🤦‍♀️ ogni grande città… ha le sue piccole intoccabili province..🤗

I commenti sono chiusi.