Un’espressione Jazz

Non sono fatta a scomparti stagni, ho imparato a guardare “oltre” quell’immaginario limite, senza contaminarne l’equilibrio.

Mi sono ritrovata molto spesso nel pensiero jazz di Gunter Hampel.

A volte mi viene da dire guardando il cielo nebuloso, che sapesse già con grande anticipo, come sarebbe stata un giorno la mia vita.

Gunter, per me, rappresenta una delle più grandi espressioni del Jazz

Uno di quei primi esempi moderni in cui si scontrano le culture musicali dell’Europa classica e del jazz USA.
E questo album che ho allegato la racconta tutta.
Racconta (suonando)con un guizzo di ironia, il fatto che il jazz , sebbene nella sua forma assoluta, e cioè un idioma musicale evoluto dal blues afroamericano, può anche essere “parlato o cantato” in un altro modo, anche eccentrico, lontano dall’origine del tutto.
Siamo nel centro di un movimento musicale che si sviluppa intorno gli anni 60… in Europa… e l’espressione jazz di Gunter… non lascia per nulla indifferente l’ascoltatore più curioso di novità.
💫
Vi consiglio  l’ascolto, se potete
concedendovi uno sfizio.
“Un buon calice
di rosso rubino
dai sentori maraschi,
fra pane casereccio
e salame Felino.”
Tutto qua!
💫