Isola

Mi si spande il contorno e mi sento cullata Comunque dentro.

La calda noia mi avvolge in questo sabato ingrigito dal clima autunnale falsato.

Pino mi è sempre stato vicino in giornate così, fatte di un niente iniziale e molto invadente .

Non so coma possa riuscirci seppur ormai assente, a riempirmi il cuore con piccole gocce di colore, essenziali per vivere, ma soprattutto sorridere.

Sorridere, anche se le cose non vanno affatto. Non ingrana un periodo buono da un po’.

“Se mi punti il dito, di condanna, abbassalo per favore. Non saprei come fare a volgere lo sguardo oltre.”

Così, con quelle gocce di colore dal cuore, mi ci intingo piano le dita, inizio a disegnare un perimetro frastagliato, l’oceano fuori fra onde in movimento e nel centro un piccolo intricato palmeto.

 

2 pensieri su “Isola

I commenti sono chiusi.