AC DC … ovvero un momento mio.

Ovvero… ma che brava ragazza!😬

La Memoria corre e io l’acchiappo raramente ma quando la incastro a dovere con la musica, tutto torna chiaro e lampante.

Quanti ne avrò avuto di anni quando ascoltai per la prima volta questa canzone?

She’s Got the Jack”

Poco più di una quindicina ! Andavo in giro vestita per benino per andare a scuola ma… mi fermavo sempre dalla mia amica Sonia per cambiar abiti che portavo dietro rigorosamente oltre ai libri. Stile comunista trasandata! Facevo lo scientifico! Militavo nella FGCI e mi ero invaghita di uno dei membri, un certo Giovanni Drugman che era all’ ultimo anno. Picchetti, scioperi ad oltranza, manifestazioni occupazioni…. Ai tempi ci stava il Ministro Pedini… Mi ricordo ancora uno slogan 🤦🏻‍♀️ “ministro Pedini non farci incazzare! Vogliamo una scuola giusta e popolare!!”

Mi sospesero per atteggiamento bellicoso e reazionario. Una settimana. Alle lezioni che non mi andavano facevo giustificazioni false per entrare dopo o uscire prima. Ehm… militavo … non studiavo! La preside avvisó i miei genitori. Consigliò loro di ritirarmi e di prender provvedimenti. A cambio non avrebbero dato informazioni negative su me e i miei atteggiamenti politici per un eventuale l’iscrizione in un’altro istituto scolastico 😒

Quell’anno mi tennero in punizione a casa. Niente scuola ! Niente amici! Niente di niente! Nemmeno sigarette! Ogni tanto la facevo franca e in sede FGCI ci andavo… lo stesso. Ma col Drugman… nessuna speranza, se la intendeva con una che rispetto a me sembrava la Demi Moore cavolo! Con la Federazione anche peggio. Occupavano abusivamente dei locali al piano terra su strada di una vecchia sdirrupata casa di ringhiera che buttarono giù dopo un paio di mesi. Stavamo vicino all’Arco della Pace … Oggi c’è un mega condominio…

Diventai nel tempo … Analista contabile …

Ma… ho vissuto un periodo di furore! Non lo dimenticherò mai !

Leggete qua la storia della canzone…

vadooooo! Scirek si esce!

Lettera d’amore

Perché è una lettera d’amore…💙

Piccola, la vita non è un bar, non ti servono,

non verrà nessuno a chiederti se vuoi un’aranciata

La vita spremila, se vuoi che sia come vorresti

devi cominciare a trasformare i giorni che respiri in semi.

Ti farò da complice se lo vorrai

e poi ti mostrerò che cosa prendere.

Potrai rubare l’innocenza della luna

e la profondità dei più inesplorati degli abissi.

Ruba la salvezza del tramonto

il mistero dell’infinità

e poi saprai dare un nome a ciò che vuoi portare con te.

Sei dentro un mondo che dà quello che riceverà

Se vuoi che sia come vorresti,

devi cominciare a colorare

i sogni che respiri di verde.