JACK ADAMANT “A Gap in the Sun”

È da ragazzini che esplodono le proprie pulsioni. E non sono i videogames nel suo caso ma, una chitarra, un’acustica…

E che acustica… Che bassista e che cantautore. Fra neofolk e rock alternativo 💙 lui si fa strada. Come tutti gli italiani (del centro sud ma svedese di adozione), che hanno argento vivo che scorre nelle vene, un coraggio che fa a cazzotti con le proprie ombre maledette, capacissimi di smussare le asperità e riflettere sulle esperienze crude della vita, mettendo tutto con passione e amore in musica, a volte con modi semplici, a volte ostici, drammatici. Ma soprattutto sanno rimettersi in piedi ogni qual volta cadono … per quella tanta, tanta voglia di sfida con se stessi!

Di lui Jack, ho fatto tesoro di un pensiero…

“…non tutte le storie finiscono. Sono in tantissimi ad affrontare le difficoltà per andare avanti sempre e comunque”.

Ha ragione da vendere. ! Sempre… e comunque. Odora di voglia, volontà, coraggio.

Dal suo EP solista “Lunch at 12 since ’82” del settembre 2017

🎶

Ed ora nel giugno 2018…(anche vinile)

🎶

La AR Recordings, quando “lancia sul mercato discografico , sa lanciare ! Ha due gemme. Una è Guy Littell ( ciao Gaetano!! Ci sarà modo vedrai… la birra 😉! )

L’altro è Jack Adamant

Sono sempre dell’idea che le “sensazioni” arrivino là dove le recensioni non potranno mai arrivare…mai!

Provate a smentirmi… non ci riuscirete … 🎶🤣mai.

💙