C’è mancato poco mi scoppiasse il cuore…

Ed è quello che ho temuto nell’ascoltarla. Fantastico! Lei è Jess Williamson. Il suo album

Cosmic Wink

È la mia buona serata per voi qui

Jess spazia tra un folk rock e un gospel folk dai sapori fiabeschi e sognanti. Lei va a braccetto in con Patti Smith e anche con i Cowboy Junkies 😉 in questo bellissimo album.

Lei, a volte è un po’ come J. Morrison, con quel suo modo di esser in un mondo di magia quasi esoterica. Riverbera con la sua voce paesaggi fluorescenti di luce, a tratti fredda a tratti calda ma sempre accogliente.

Jess è così onirica, a volte alienata nel suo modo di cantare, ma sa anche essere profonda come il blues.

Un album che parla proprio di Jess, delle sue fragilità, incertezze ma anche un album dove è visibile, col suo raccontarsi, il traguardo raggiunto verso una profonda e reale consapevolezza di se e delle scelte fatte nel tempo. Scelte a volte molto dolorose e sofferte, come lasciare il suo amato Texas per la California.

Lei sa darmi sollievo; ha dentro di se una spiritualità che mi ha saputa coinvolgere e mi ha lasciata librare leggera, libera nell’aria. Lei mi ha alleggerito dolori e pensieri.

❤️

Dolor son dolor!

E quando si mette in mezzo alla mia vita il mal di schiena io…

divento pericolosa,

Intrattabile,

Vipera,

Terrorista!

Inizio a pensare alle armi chimiche

Si… chimiche… toste e …

…ma quanto caspita ci mette ad annientare sto maledetto 😖 dolore? “Effetto immediato” c’era scritto !

Voglio picchiare qualcuno ! Fatevi avanti!!!!!!😖

Buon giorno un po’ così

A volte la sottoscritta si inabissa nel più profondo dell’esistenza.

L’intorno odora di quella oscurità acre che un pozzo abbandonato conserva fra le pareti .

Dall’alto un disegno di una solarità che abbaglia lo sguardo lo percepisco, ma non lo immagino, perché mi spiazza quel che vede la mia anima. Niente.

Eppure il calore che sento in me penetra il mio cuore fin dentro al suo pulsare e mi emoziona sempre.

Non so cosa sto vivendo

ma sto vivendo.

💫

Un blogger ieri scriveva di Neige ovvero. Stephane Paul degli Alcest, e mi ha fatta catapultare indietro nel tempo.

Sai … mi ero dimenticata di Paul. Un tempo tutto per me era più difficile, era complicato, invivibile ma era un tempo di attesa. Un tempo di speranza. Un tempo di amore.