Frammenti

Il mio bisnonno Pippino faceva il “grassuliaro” .

Mio nonno Ignazio faceva invece “l’acqualoro” .

Il bisnonno andava al tramonto agli angoli delle vie del paese per ingrassare i lampioni di strada e accenderli per la notte.

Il nonno invece tutte le mattine all’alba apriva i cannoli dell’acqua della fonte dellu Pumu per dare per qualche ora l’acqua ai suoi compaesani.

Il bisnonno comprava da sua moglie Tina un uovo di gallina e glielo doveva pure pagare. Una lira.

Il nonno invece ne spendeva 5 di lire al bar di Raja della piazza per giocare a carte.

Racconti di vita.

Non lo so … non è che ho nostalgia delle storie di famiglia è solo che mentre ero distratta da un’immagine di mare e di paese ridotto in ruderi per il terremoto del 68 mi é venuta in mente una canzone a cui sono legata fin da pargoletta.

Una delle cose che legava padre e figlio era… annunciarsi in paese “fischiando” 🤷‍♀️

Che vorrà dire …

15 pensieri su “Frammenti

    1. Ma grazie cara Cate. Piacere di conoscerti. Mi hai fatto un bel complimento . Rivedrei volentieri quel film un po’ lontano nel tempo. E Isabeau mi chiamava una carissima amica che ho perso un anno fa. Grazie ancora. Isabella

      Piace a 1 persona

    1. Guarda nemmeno io ci vado matta. Anzi mi sta pure antipatico. Tutto sto gossip adesso e tanta … vabbè… la felicità è un eufemismo sterile altro che ! Per come la canta lui è quell’altro “a volte ritornano” ☹️😁

      Piace a 1 persona

I commenti sono chiusi.