Il buon “Non compleanno”

Come un pesce rosso in una boccia..

Vi auguro una buona Domenica e spero troviate del tempo per leggere una citazione da uno dei miei romanzi preferiti.

“A quanto pare, ogni tanto gli adulti si prendono una pausa per sedersi a contemplare il disastro della loro vita. Allora si lamentano senza capire e, come mosche che sbattono sempre contro lo stesso vetro, si agitano, soffrono, deperiscono, si deprimono e si chiedono quale meccanismo li abbia portati dove non volevano andare.

Per i più intelligenti diventa perfino una religione: ah, spregevole vacuità dell’esistenza borghese! Alcuni cinici di questo tipo cenano alla tavola di papà: “Cosa ne è stato dei nostri sogni di gioventù?” si domandano con aria disincantata e soddisfatta. “Sono volati via, e la vita è proprio bastarda”.

Non sopporto questa finta lucidità dell’età matura. La verità è che sono come tutti gli altri, ragazzini che non capiscono cosa sia successo e che giocano a fare i duri mentre avrebbero voglia di piangere.

Eppure non è così difficile da capire.

Il problema è che i bambini credono ai discorsi dei grandi e, una volta grandi, si vendicano ingannando a loro volta i figli. “La vita ha un senso e sono gli adulti a custodirlo” è la bugia universale cui tutti sono costretti a credere. Da adulti, quando capiamo che non è vero, ormai è troppo tardi. Il mistero rimane, e tutta l’energia disponibile è andata da tempo sprecata in stupide attività. Non resta che cercare di anestetizzarsi, nascondendo il fatto che non riusciamo a dare un senso alla nostra vita e ingannando i nostri figli per cercare di convincere meglio noi stessi.

La mia famiglia frequenta tutte le persone che hanno seguito lo stesso percorso: una gioventù passata a cercare di mettere a frutto la propria intelligenza, a spremere come un limone i propri studi e ad assicurarsi una posizione al vertice, e poi tutta una vita a chiedersi sbalorditi perché tali speranze siano sfociate in un’esistenza così vana.

La gente crede di inseguire le stelle e finisce come un pesce rosso in una boccia.

Mi chiedo se non sarebbe più semplice insegnare fin da subito ai bambini che la vita è assurda. Questo toglierebbe all’infanzia alcuni momenti felici, ma farebbe guadagnare un bel po’ di tempo all’adulto – senza contare che si eviterebbe almeno un trauma, quello della boccia.

Illustrazione: Ruel Pascual

da L’eleganza del riccio

di Muriel Barbery

E qui viene il bello di questo mio non compleanno.

Un regalo … 

“We’re just two lost souls swimming in a fish bowl, year after year,

Running over the same old ground. 

What have you found? The same old fears.”

Cosi cantavano i grandi Pink Floyd.

forse… cara Cate

ti ritrovi sempre a fare i conti con le tue stesse paure. 😞 Ci ho pensato … ora vado via, giro e rigiro infinitamente, e sono stanca.

Mi lancio fuori dalla boccia

non sentirò alcun male

se mal fosse, durerà poco,

quel che serve per un sonnosogno,

uno soltanto!

🤗

12 pensieri su “Il buon “Non compleanno”

  1. Auguri Cate❤️.
    I bambini hanno diritto di sognare. Non è mai tempo sprecato.
    Ogni età è uno spazio temporale.
    Perché togliere loro, la possibilità di veder sbocciare i semi che hanno in mano?
    E se nascessero fiori bellissimi?
    Se invece, cresceranno solo steli d’erba, noi genitori, li aiuteremo ad apprezzarli ugualmente. Perché grazie ad un prato verde, le persone camminando a piedi nudi, possono sentirsi serene…

    Piace a 2 people

  2. Credo che l’errore più grande che commettiamo da adulti è quello di perdere lo stupore dei bambini,o meglio: la capacità di stupirci. E la loro capacità di vivere solo e soltanto il presente. Talvolta siamo così proiettati verso un futuro impossibile (perché inesistente) da perderci il presente possibile che ci circonda. E in un amen ci troviamo vecchi e in posti che non avevamo previsto.

    Piace a 2 people

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...