E fu

È così che ti ricorderò sempre. Ne abbiamo fatte tante di cazzate e di cattiverie. Eravamo una suocera e una nuora inesperte . Il più grande dolore che ci siamo portate dentro non verrà mai alla luce. La più grande gioia non sarà mai rivelata. Ti porto nel ricordo e nel mio cuore solo così. Di te signora per bene che non fa trapelare un solo dolore nel letto d’ospedale e io, impertinente che tento di distrarti provando a farti cantare… Occhi severi … ci sono riuscita ! Saluta l’avvocato Alberto. Addio Carla.

4 pensieri su “E fu

I commenti sono chiusi.