Domenica… prima

La prima del nuovo anno.

Iniziato di lunedì. Quando il tempo che scorre nasce perfetto dicono che si rivelerà l’anno del continuo rinnovamento, e il 2018 deve esserlo per forza perché il suo 8 rammenta “l’infinito” seppur sia in verticale.

Ricorda un Uroboro

In apparenza immobile, ma in eterno movimento, il potere che si  divora e  si rigenera .  Un’energia universale che si consuma e si rinnova di continuo, la natura ciclica delle cose, che ricominciano dall’inizio dopo aver raggiunto la propria fine.

Simboleggia l’unità e l’ambiguità fisica primordiale, la totalità del tutto, l’infinito, l’eternità, il tempo ciclico, l’eterno ritorno, l’immortalità e la perfezione.

Il simbolo esoterico della ciclicità del tempo

il serpente che si morde la coda, lo trovate descritto in una fantastica lettura di Nietzsche in  “Così parlò Zarathustra” 

Dal libro…

Un’aquila volteggiava in larghi circoli per l’aria,

ad essa era appeso un serpente,

non come una preda,

ma come un amico:

le stava infatti inanellato al collo»

L’aquila è il superuomo per il quale il tempo come “eterno ritorno” non è un ostacolo alla sua volontà di potenza che domina il tempo”.

Un libro da tenere fra i  vostri libri preferiti …

Tornando a me e a questa domenica, sono intorpidita,  svogliatamente pigra , assomiglio ad un Bradipo silente. Mi sono svegliata nel cuore nella notte interrompendo un sogno, che non mi ha trasmesso timori ma pensieri buoni. Squillava un vecchio cellulare a casa e rispondendo  dall’altro capo  la voce era di mia zia Giovanna… che non c’è più in questa vita. Era la mia zia del cuore, piccola, minuta, che non si arrendeva mai a nulla in vita. Mi diceva che voleva venire con lo zio Lanfranco per prendere delle carte che servivano per una loro pratica, ed io rispondevo a lei nel modo più logico: “Zia, lo sai che sei morta anni fa vero? e che lo zio è morto prima di te? “Mi sono svegliata in quell’esatto momento illogico, cercando di capire la ragione del suo comunicarmi in questo modo, o della sua presenza. Io non lo so e non cerco risposte.   Ora ricordo che non mi sono alzata dal letto, non ho sentito la paura sul mio corpo , nemmeno quell’angoscia che ti prende nel buio della stanza. Immobile, nel letto, mi sono riaddormentata.  La sensazione che oggi provo è di torpore silente. 

Vado. 

ah… la mia amata musica… sempre.

18 pensieri su “Domenica… prima

    1. A fine sera assomiglio più… Hai presente la lumaca che apre la porta a Pinocchio nella casa della Fata Turchina? ecco quella li mi prende ancora peggio… 🙂

      Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...