L’Equazione alla regola.

Io non ho vinto cinque milioni di euro… non ho comprato il biglietto !

Che sollievo … giuro!

Ma vi immaginate in che razza di casini sarei andata incontro?

Sono fortunata… 🙄 no! Sono Caterina non facciamo scherzi !

Evviva! Sono Caterina!Mi stavo perdendo.

Che vi lascio per la buona nanna?

🤦🏻‍♀️

una riga nuova, nuova :-D

Avendo pranzato a base di piovra e patate, peperoni arrostiti, insalata mista, ananas fresca e due porzioni di torta al cioccolato… fatta da mammà, (veramente tutto è stato fatto da mammà…io ho mangiato!)  i casi sono due: o mi stra-cuccio sotto un plaid di lana e sonnecchio fino al pesto buio e oltre , o mi attivo e tolgo tutto ciò che in questi giorni ha rappresentato il Natale & Company, nella mia umile dimora, e poi, benché  stia piovendo, non mi frega ed esco a far due passi, tanto per digerir i peperoni ( li adoro!) Invitatemi a pane e peperoni arrosto e vi farete un’amica per l’eternità 😉

Mi sono servita l’inizio dell’anno mettendo sul piatto vuoto un unico buon proposito: cambiare radicalmente vita, abitudini… tutto di me una volta per tutte!

Se fino all’anno scorso gli addobbi e tutto di queste feste,  veniva riposto dopo il mitico Santo  Biagio (quello che ti fa conservare il primo pezzo del primissimo panettone aperto, per fartelo mangiare il 2 febbraio ( giorno del santo)  per preservarti dal mal di gola e derivati insomma! ), stavolta non arriverà sera che tutto in casa tornerà come se le feste non fossero arrivate, e in fin dei conti siamo nel 2018 e DEBBONO arrivare. Quindi, facendo due conticini,  ho 11 mesi, più qualche settimana  davanti. Il prossimo natale me lo confezionerò brioso, divertente, ricco di serenità e buona compagnia! Prometto!! Sono tre o forse più anni che lo vivo male, triste, apatica, malinconica, infelice, e quasi sempre per via di una storia d’amore che volevo a tutti i costi ma che non funzionava soprattutto quando feste, vacanze e altro erano praticamente davanti  alla   porta .

EMMòBASTAehhh!!!

Non voglio più farmi condizionare dai “fattori”  esterni, dagli uomini, dai parenti, dalle avversità della vita. Se la “falce” assassina non mi rincorre e mi prende prima, giuro stavolta sarà diverso.

PinoCristino” l’ho già spogliato dagli addobbi e lucine varie e l’ho piazzato fuori a riprendersi, fra il caos del mio terrazzo secondario. 

Lo terrò d’occhio  perché è un pino con radici e deve far parte dei miei terrazzi. Eccolo,IMG-6404.jpg

un pochino sofferente ma se la caverà. Lo so, mi conosco!

Quindi adesso vi lascio in pace, io rassetto e porto nella mia soffitta tutto quel che ha a che fare col 2017, chiudo la porta e non ci penserò mai più. 

Ho bisogno di una buona carica… e quindi a tutto volume mi piazzo i… gli

Hüsker Dü. !

Mentre mangiavo mi è venuto in mente  il caro compianto  Grant Hart, il loro fondatore nonché batterista della band… (mi sa che i peperoni han colpito da subito!) 

che in questo loro capolavoro (per me)si rivelano alle mie orecchie completamente opposti ai canoni del punk tradizionale . Anzi azzardo pure che si avvicina moltissimo al progressive rock. “Zen Arcade del 1984 è davvero un disco di grande impatto, in cui per la prima volta la rabbia e la violenza del punk si fondono ad una sfrenata fantasia musicale, tramite temi di carattere introspettivo.  E più “introspettiva” di me in questo tempo chi conoscete?  🙂

Poi esco e vado a prendermi un pochino di acqua piovana! Ciaooooooooo !!!!

(Niente doccia calda! Ci penserà il tempo uggioso a togliermi di dosso vecchiume e stanchezza).

 

 

“Ambra Run” Band

Ambra Run è una band inglese di Nottingham, e ascoltare questo brano è come vedere un cavallo libero che galoppa su un sentiero all’interno di  una stupenda foresta di conifere giganti, fra i riflessi del sole e l’aria pulita… 

Lui è  la voce Joshua Keogh

Che meraviglia vero?

 Credo sia giusto proviate anche voi questo “abbraccio” emotivo… o almeno chiudete gli occhi e provateci .<3

Non cercare  troppe “risposte” in  un momento simile, è di dovere.

 

Befy la chiamo Befy io

Ho lasciato la finestra della sala chiusaaaaaa!!!!! Uffi che disastro! L’ho trovata così stamattina molto presto. Poveretta era tutta dolorante e per fortuna che non ha ferite sul suo corpo! L’ho fatta entrare e accomodare dopo averle medicato il nasone gonfio per la botta. Dopo due chiacchiere davanti ad un caffè latte e biscotti mi ha lasciato tre pezzi di carbone dolce (sapevo di esser stata un po’ pestifera tempo addietro) e tre barrette energetiche (questa non l’ho capita! Ma non ho osato chiedere spiegazioni ) le ho raccomandato di usare il casco visto il precedente e lei con un grande sorriso a tre denti ( tutto 3 oggi) si è posizionata sulla scopa e prendendo il volo mi ha assicurata che entro stasera farà piazza pulita di tutte le feste trascorse.

Ho sorriso salutandola con la mano e me ne son tornata in cucina a sistemare. Un sollievo … le feste finalmente le porterà via e io potrò iniziare un nuovo cammino di vita. Son proprio contenta di averla conosciuta! Si sì . Ora mi tocca chiamare sos vetraio cavolo! Un paio di occhiali no? Bussare no? Vedi questa che mi combina! E vabbè 🤓🤪

Buon sabato a tutti !!!!!