Riso & “Bisio” alias Michele Serra e “Gli Sdraiati”

Dunque dunque, dunque! 

Qualcosa dovevo fare in Stazione a Roma mentre aspettavo la Freccia no? Al secondo piano dell’area commerciale nella Stazione Tiburtina c’√® una fantastica libreria “Giunti al Punto”¬† e curiosando tra musica e libri… mi √® saltato all’occhio¬† Michele Serra e il suo “Gli Sdraiati”¬† ¬†img_6155Prima di Natale ero stata per i fatti miei al cinema a vedermi proprio il film omonimo e devo dire che tutto sommato non mi era affatto dispiaciuto. Tante risate, momenti in cui nel buio della sala mi son riconosciuta¬† in alcuni atteggiamenti cagacaxxo¬† del padre interpretato da Claudio Bisio ( la scena dello yogurt, che imbratta la tastiera del pc ad opera di uno dei ragazzi mi ha letteralmente fatto imprecare!)¬† Altri momenti in cui ero solidale con le frustrazioni del padre riguardo la mancanza totale di comunicazione fra lui e il figlio… Ma ammetto che la tiritera del dentifricio aperto √® paro paro al mio bofonchiare¬† quotidiano di ogni santa mattina con mio figlio ! Ma che ci vuole cavolo!!!! Come lo apri lo chiudi no? Io non ve lo sto a raccontare il film¬† perch√© chi non lo ha ancora visto potrebbe decidere di¬† andare a passare¬† ¬†un oretta e poco pi√Ļ al cinema a rilassare la mente, a ridere, emozionarsi, arrabbiarsi , per poi pure¬† piangere (io lho fatto, sia al cinema che quando ho letto il libro.prima, sul treno. Il contesto era lo stesso “il figlio, il padre, lo psicologo, l’assenza della madre in quella prima seduta, e la risposta del figlio ad una precisa¬† domanda dello psicologo…su un suo evidente disagio¬† legato alla sua collocazione nelle due case genitoriali),¬†per¬† uscirne comunque¬† pi√Ļ ricco di idee da mettere in pratica fra riflessioni e critiche anche¬† personali. Ho avuto momenti di commozione e di disagio emotivo mentre le immagini scorrevano al cinema tempo fa, ma adesso con il¬† libro, che ho letto tutto sul treno di ritorno… beh questo scorrere di pagine scritte davanti ai miei occhi attenti √® altra cosa.

Il racconto di Serra √® molto pi√Ļ profondo e articolato. Il padre non parla molto come Bisio fa nel film. ( forse Bisio per farci capire davvero deve parlare troppo, o meglio dire “lamentarsi e criticare”troppo). Nel libro il padre si rivolge¬† a se stesso e¬† racconta di quel che osserva del figlio e dei suoi amici… Una band di soli maschi con lo pseudonimo ironico di¬† “froci”, perch√© √® una compagnia di soli ragazzi. Seppur si muova il pap√†¬† tra lavoro e vita privata quel padre passa molto tempo ad osservare quel suo ragazzo¬† senza destare peraltro la minima reazione, cercando di comprendere la sua natura intrinseca, senza mai arrivare a una verit√† certa. Osserva suo figlio e come si muove fra gli amici¬† . Una generazione facilitata da tutto, che da tutto per scontato senza alcuna fatica per ottenere. Non √® come nella nostra adolescenza passata che ogni cosa per averla dovevi meritarla, dovevi impegnarti, Il padre nel libro¬† osserva queste¬† marcate diversit√† fra il suo tempo dell’adolescenza e quello di adesso.¬† I giovani di oggi¬† ricevono quantit√† di dati eterogenei e di dubbia provenienza, dando in cambio il nulla. Niente dialogo, niente attivit√† niente di niente.
Osservare gli sdraiati, (perché alla fine è così che sono nella vita) perché  incapaci di portare a termine qualsivoglia lavoro.
Senza chiudere mai il cerchio delle loro vite, aprono gli armadi, i cassetti, le porte, senza richiuderli, tirano fuori una bottiglia dal frigo senza riporla, aprono mille finestre senza mai uscirne.
In questo mondo d’oggi¬† si scopre leggendo¬† man mano che il padre √® sempre pi√Ļ convinto di una verit√† amara:¬† alla fine¬† a lavorare e faticare sono i “vecchi” e i “giovani” invece riposano. Un’ultima cosa, .Il libro √® ricco di momenti¬† teneri ma anche di pensieri intimi, profondi del proprio “io”¬† che danno il¬† ¬†tormento. Nel romanzo c’√® molto di pi√Ļ di quel che ho visto al cinema.¬†¬† Serra certi argomenti li sa trattare davvero bene.¬† Sa¬† gestire questi “sdraiati” alternando ironia e la forza satirica con momenti nostalgici. ūüôā Nel libro non c’√® l’evidente pelata del caro “Claudio Bisio”¬† ma la sua parte di padre apprensivo e incazzoso la sa fare davvero bene… quasi quanto descritto nel romanzo. Del resto non √® Bisio mica per niente! Un attore eclettico e simpatico ma soprattutto¬† sa immedesimarsi nella parte mettendo qualcosa di suo sempre. Leggetelo! Poi andate al cineforum… Leggetelo prima !!!¬†

la colonna sonora della mia lettura in viaggio??? 

ehehehe… da non crederci vero? Ci sta ci sta!

5 pensieri su “Riso & “Bisio” alias Michele Serra e “Gli Sdraiati”

    1. a discapito della critica poco favorevole sul personaggio chiave interpretato da Claudio Bisio, io andrei a rivederlo perché per me lui ha davvero messo cuore e ironia in un argomento così delicato alla fine.

      Piace a 1 persona

I commenti sono chiusi.