Energia

Stamattina la musica mi respinge. 

Mi ricorda che la sua energia non mi appartiene. Mi chiede di sciogliere i nodi di luce di un legame atavico. 

Mi chiede di farla volare lontano per raggiungere il suo mentore. 

Sciolgo i nodi,  e lei vola…. vola via. ❤

come “Medusa”

Ecco perché “rovinata”

Uscendo da quell’antica stanza

dalle pareti di bianca luce

ho attraversato in discesa il buio,

per raggiungere

la solitudine eterna.

Io  pietrifico chiunque incroci

il mio triste sguardo.

Solo uno può .

Colui che mi taglierà la testa.

Io non sono immortale.

Io vago, sibilo e striscio 

dentro la mia eterna prigione.

E attendo fiera la fine 

del mio essere maledetta.